Home / Cultura / Territorio / Territorio e Popolazione / Comuni dell'Alto Molise IS / Giuseppe Moscati, Giorgio Piromallo e Capracotta

Giuseppe Moscati, Giorgio Piromallo e Capracotta

di Francesco Di Rienzo

Ettore Bassi nei panni di Giorgio Piromallo e Beppe Fiorello in quelli di Giuseppe Moscati
Ettore Bassi nei panni di Giorgio Piromallo e Beppe Fiorello in quelli di Giuseppe Moscati

Recentemente, è andata nuovamente in onda sui canali Rai  la miniserie televisiva “Giuseppe Moscati- L’amore che guarisce”. La fiction, realizzata dalla Artis Edizioni Digitali e dalla Sacha Film Company in collaborazione con Rai Fiction con la regia di Giacomo Campiotti, narra la vita di Giuseppe Moscati, il medico proclamato santo da Papa Giovanni II nel 1987. La storia ha inizio nell’anno 1906 quando il giovane medico Giuseppe Moscati, interpretato da Giuseppe Fiorello, si appresta a concorrere, insieme al suo amico Giorgio Piromallo (Ettore Bassi) per un posto di aiuto all’Ospedale degli Incurabili di Napoli.

Le vicende del Santo si svolgono interamente nella città di Napoli e dintorni ma interessano anche Capracotta perché il cognome dell’amico, Piromallo, ci riconduce a un ramo della nobile famiglia meridionale titolare tuttora del titolo ducale sulla cittadina altomolisana. Occorre chiarire, in via preliminare, due cose: il rapporto di amore- odio tra i due amici e colleghi è una pura invenzione cinematografica. Anche il nome dell’amico, Giorgio Piromallo, è di pura fantasia: nella realtà si chiamava Gaetano Quagliariello. Ma tant’è. Nella fiction compare il cognome Piromallo: quanto basta per fare alcune riflessioni.

La famiglia Piromallo è di origini spagnole. Si trasferì nel Viceregno di Napoli all’epoca di Ferdinando il Cattolico (1503-1516), ottenendo il feudo di Montebello con il titolo di barone. Nel 1804, don Giacomo Piromallo sposò donna Beatrice Capece Piscicelli, ultima discendente del suo Casato e duchessa di Capracotta a partire dal 1839, cioè dopo la morte del fratello Antonio deceduto senza figli. Da questo matrimonio, nacque Giuseppe Piromallo Capece Piscicelli che aggiunse al proprio cognome quello della madre. Nel 1889, Giovanni, figlio di Giuseppe, ereditò dalla nonna il titolo di “Duca di Capracotta”. Arriviamo così ai giorni nostri. L’attuale duca di Capracotta, il quattordicesimo, è don Nicola Piromallo Capece Piscicelli. Ha 65 anni ed è subentrato recentemente nel titolo al padre don Piero, deceduto il 26 febbraio di sei anni fa. È sposato con il noto avvocato Nicoletta Piergentili. Ha due figli.

Editing: Francesco Di Rienzo

Copyright: Altosannio Magazine

About Francesco Di Rienzo

Francesco Di Rienzo è nato a Napoli da genitori capracottesi. Lavora come responsabile dell'ufficio stampa di una delle più importanti società italiane nel settore dei beni culturali. Conduce da circa 25 anni studi e ricerche su Capracotta e sull'Alto Molise. Eletto nel Consiglio Direttivo del CAST ALMOSAVA il 21 settembre 2012, è uno dei fondatori dell'Associazione "Amici di Capracotta", di cui ricopre attualmente l'incarico di segretario. È autore di diverse pubblicazioni sulla storia e sulle tradizioni di Capracotta. È socio della Società Napoletana di Storia Patria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.