Home / Cultura / Cultura Popolare / I Giorni delle Donne

I Giorni delle Donne

di Luigi Calvisi, Redattore Capo del Periodico La Ciciuvetta.

Donne in cucina Festa delle donneLa data dell’8 marzo entrò per la prima volta nella storia come Festa della Donna nel 1917: in quel giorno le donne di San Pietroburgo scesero in piazza per chiedere la fine della guerra, dando così vita alla “rivoluzione russa di febbraio”. Questa una delle tesi, altrettanto citata quanto la storia delle operaie rimaste bruciate negli Stati Uniti in uno stabilimento, o ancora l’episodio che riferisce dei giorni della sfilata di donne in Rosenstrasse con la quale riuscirono a far rilasciare i parenti di uomini ebrei arrestati e destinati alla deportazione.

Non sappiamo quale spunto nobile abbia dato origine a questo appuntamento che ogni 8 marzo si ripete, in un’atmosfera tra il festoso e il consumistico, come “la Festa della Donna”. Comunque, l’appuntamento adesso c’è ed ognuno lo vive come ritiene più opportuno, con punte di cultura, spesso in allegria e anche – ma per fortuna sempre più raramente – con eventi di cattivo gusto.

Nella nostra piccola realtà colgo l’occasione – approfittando della vicinanza alla fatidica data – per fare una riflessione sulle nostre donne, in particolare le nostre madri e nonne che hanno vissuto il secolo scorso, periodo in cui la vita si svolgeva in contesto completamente diverso da quello attuale.

Chi segue con attenzione i racconti dei nostri vecchi che pubblichiamo, in particolare delle donne, può trovare alcuni spunti che davvero fanno pensare: il ruolo della donna nella famiglia, da sempre fondamentale nella società contadina è sempre rimasto subalterno a quello degli uomini. Pensiamo solo a cosa hanno potuto passare le nostre donne durante la guerra, occupate a crescere in solitudine i figli e combattere la fame, oppure nell’importante impegno – in assenza dei mariti emigrati – di allevare i figli e amministrare i risparmi che il marito riusciva a far arrivare in Italia. E a fronte di tutto questo? Una vita di sacrifici e fatica, per acquisire un minimo di sicurezza economica in un contesto di diffusa povertà.

Da bambino, mi impressionava sempre un comportamento che era diffuso: nei giorni di festa, accadeva spesso che i mariti, dopo la processione, si infilassero nella “cantina” (i bar dell’epoca) per bere in allegria e per giocare a carte. Molto spesso questo momento si prolungava eccessivamente, al punto che le mogli venivano ad avvertire i mariti che erano attesi per il pranzo della festa, che era tutto pronto. Ebbene, per una donna entrare nella cantina per una cosa del genere era considerata “vergogna”. La moglie, quindi, per poter richiamare l’attenzione del marito approfittava della presenza di qualche bambino per affidargli, non potendo entrare personalmente, il ruolo di messaggero. “Mi vedi se c’è mio marito? E se c’è, gli dici che lo stiamo tutti aspettando per mangiare?”. In mancanza del capo famiglia, infatti non era possibile iniziare il pranzo.

Festa delle donne in campagna

E che dire di quelle donne che, pulito e rassettato la casa, preparavano il pranzo che avrebbero portato con il canestro in testa, a piedi, nell’appezzamento di terreno dove gli uomini stavano lavorando e continuando poi a lavorare con loro. Oggi, sembra che questi flash che non ci riguardino, possono sembrare lontani nel tempo, eppure sono lì nella memoria recente, accaduti proprio ieri. E tra queste modeste donne, talvolta vedove oppure con il marito lontano, possiamo indovinare delle vere e proprie “manager”, artefici – alla pari e spesso più dei mariti – del benessere che molte famiglie oggi hanno raggiunto.

Allora: questa festa della donna, facendoci spazio tra le mimose, la dedichiamo a chi non ha mai avuto possibilità di apprezzamento, ma che è riuscita a traghettare la nostra collettività facendola evolvere in quella che oggi conosciamo.


Musica: Rilassante
Editing: Enzo C. Delli Quadri

 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. Antonia Anna Pinna

    Le nostre nonne e madri hanno protetto e riseminato semi antichi a costo di sacrifici immani. Mia nonna mentre il marito era prigioniero in Africa è riuscita a comprare la casa dove viveva con i figli commerciando tra i paesi vicini caricandosi sulla testa canestri pesantissimi di stoviglie. Mio nonno l’aveva lasciata incinta di mia madre e al ritorno ha trovato un figlio di meno; morto di cancrena per un incidente e una figlia già grande mai vista. Nonna era un esempio di imprenditrice e donna severa ma dolcissima che ha aiutato tanti a sopravvivere durante e dopo la guerra. Io ricordo che mi mandava a chiamare Tatone ( nonno ) alla cantina dove facevano la passatella. Grazie del bel racconto

Rispondi a Antonia Anna Pinna Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.