Home / Cultura / Turismo in Altosannio / Flora e Fauna / Flora / Genziana Appenninica

Genziana Appenninica

a cura di Enzo C. Delli Quadri

Genziana Appenninica (Gentiana dinarica Beck) - Photo by Enzo De Santis
Genziana Appenninica (Gentiana dinarica Beck) – Photo by Enzo De Santis

La Genziana Appenninica, dal nome scientifico Gentiana dinarica Beck, è una Pianta erbacea perenne alta 5-8 cm, con foglie riunite alla base e scapi fiorali eretti; fiori di 3-4 cm blu-violacei con chiazze più scure.
Fiorisce tra giugno e luglio, da noi nei parchi della Maiella e d’Abruzzo, in pascoli rupestri altomontani, dai 1500 ai 2300 metri di quota.
È una pianta officinale, vale a dire un organismo vegetale usato nelle officine farmaceutiche per la produzione di specialità medicinali. Nella fattispecie viene raccolta per la produzione di febbrifughi (se fatta macerare con vino). Inoltre viene raccola per la produzione di amari. Purtroppo la raccolta indiscriminata della pianta sta mettendo a serio rischio la sopravivenza della specie.

Non va confusa con la Genziana Gialla (Gentiana lutea) che cresce preferibilmente su terreni calcarei, ricchi di humus e ben drenati; si può trovare in luoghi pienamente o parzialmente soleggiati; di essa esistono moltissime specie; una delle più pregiate cresce a Campo Imperatore, sul Gran Sasso nei pascoli e nei prati concimati di montagna, con grappoli di fiori gialli; le sue foglie presentano un colore verde lucente.
Ghiottissime sono soprattutto le sue radici, che vengono utilizzate per produrre oltre al famoso liquore, uno dei digestivi più amati a tavola, anche infusi o tisane. (per saperne di più CLICCA QUI)

la genziana gialla
Genziana Gialla (genziana lutea)

 


Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.