Home / Cultura / Cultura Popolare / Generazioni a confronto

Generazioni a confronto

di Maria Delli Quadri [1]

A  volte mi capita di incontrare o di vedere , dal balcone di casa mia,una signora anziana accompagnata da una ragazza o signorina più o meno giovane. E’ come osservare da un cannocchiale che va oltre lo spazio e il tempo la realtà doppia offerta dalle due figure emblematiche che, ignare del groviglio dei miei pensieri, continuano ad andare piano piano verso la loro meta, a me sconosciuta..

Il contrasto più stridente lo si nota nell’abbigliamento, nel modo di camminare, di conversare, di guardarsi intorno con maggiore o minore disinvoltura.

E allora, la donna meno giovane, con l’abito nero, le calze pesanti, le scarpe “piantose” e scalcagnate, il cappotto come un sacco oscuro o di altro colore fumoso, il foulard di lana legato sotto il mento, spesso grigio di lutto che forse copre un “tuppo”, lo sguardo smarrito di chi non è abituato a passare per il corso, il portamento dimesso.

Di rimando, la donna più giovane, con i tacchi n.°12, le gambe lunghe e affusolate, l’andatura ancheggiante, i pantaloni o la minigonna, la camicetta sgargiante, il tutto incollato alla persona, la borsa a tracolla, il trucco sapiente, il telefonino raffinato, la chioma al vento.

scarpe a spillo

Sono due età diverse, d’accordo, ma sono soprattutto i punti terminali di un cammino che l’umanità femminile ha compiuto nel tempo, non sempre in maniera indolore e che ha portato la donna alla trasformazione totale dell’essere “donna” nella sua interezza e complessità.

_________________________
[1]Maria Delli Quadri, Molisana di Agnone (IS), già Prof.ssa di Lettere oggi in pensione. Ama la musica, la lettura e l’espressione scritta dei suoi sentimenti.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

About Maria Delli Quadri

Maria Delli Quadri, Molisana di Agnone (IS), già Prof.ssa di Lettere. Amava la musica, la lettura e l'espressione scritta dei suoi sentimenti.

2 commenti

  1. Antonia Anna Pinna

    Cara Maria, le tue impressioni sono come foto scattate su epoche che si estinguono e rinascono come fa sempre la vita che cambia forma per continuare il suo cammino. Grazie

  2. cara sigra MARIA DELLI QUADRI sinceramente condivido le tue RIFLESSIONI che in verità sono comuni ed ovvie …però resta il fatto che esse prima nella tua mente ,”fra grovigli di pensieri”e poi nella tua limpida penna diventano OVVIETA’ fascinose e…letterarie, che fa la differenza. Buona giornata.

Rispondi a MARISA GALLO Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.