Home / Cultura / Territorio / Fiumi dell’Altosannio – Il Trigno

Fiumi dell’Altosannio – Il Trigno

A cura di Enzo C. Delli Quadri, con notizie e foto attinte dal web

valle-del-fiume-trigno-da-t_big
La valle del Trigno

Il Trigno è un fiume che nasce in Molise e segna parte del confine di questa regione con l’Abruzzo.

Il Trigno nasce dalle falde del Monte Capraro, a 1.150 m s.l.m., in località Capo Trigno nel comune di Vastogirardi, in provincia di Isernia; entrato in provincia di Campobasso, il fiume segna il confine con l’Abruzzo (provincia di Chieti) discostandosene solo per due brevi tratti: il primo nel comune di Trivento, il secondo nel comune di Montenero di Bisaccia, per sfociare nel mare Adriatico al termine di un percorso lungo 85 km.

Il Trigno, la sorgente presso Vastogirardi
Il Trigno, la sorgente presso Vastogirardi

Le specie ittiche più diffuse che popolano il fiume sono: barbo comune, cavedano, carpa, trota fario, pesce gatto, oltre a varie specie di ciprinidi

Il Trigno
Il Trigno

Il Trigno attraversa i comuni al confine tra Abruzzo e Molise a esclusione del tratto iniziale del fiume in provincia di Isernia, nel quale è parallelo al Torrente Verrino, il suo affluente più importante. Il Trigno ha come principali affluenti Torrente Rio da destra e Torrente Verrino a sinistra

Il Trigno - La diga nei pressi di Chiauci
Il Trigno – La diga nei pressi di Chiauci

Nell’alto corso del fiume, in territorio di Chiauci, è stata costruita una diga per la realizzazione di un invaso  da utilizzare come riserva di acqua per le coltivazioni della vallata del Trigno e per l’approvvigionamento idrico di Abruzzo e Molise. Nel corso del 2011 è iniziato il riempimento dell’invaso.

Editing: Enzo C. Delli Quadri

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.