Filastrocche di settembre: Invito alla Madonna di Loreto

0
1086

a cura di Enzo C. Delli Quadri

Madonna di Loreto a Capracotta. Foto di Umberto Conti
Madonna di Loreto a Capracotta. Foto di Umberto Conti

[divider style=”normal” top=”10″ bottom=”10″]

Nelle mie ricerche su antichi detti, proverbi e citazioni, mi sono imbattuta in alcune filastrocche scherzose o di carattere religioso che riflettono, soprattutto queste ultime, l’ingenuità, ma anche la grande fede dei nostri antenati. Simili antiche costumanze, anello che ci lega ai padri , ricordano un passato quasi primitivo che va man mano scomparendo, sotto l’influsso delle nuove civiltà, della tecnologia e di altre usanze importate anche da paesi stranieri. Tutto ciò è un fatto positivo, perché mostra che il paese si evolve verso modelli diversi di civiltà, ma nello stesso tempo ci induce a riflettere, anche con una certa malinconia, che i buoni costumi dei nostri padri prima o poi spariranno e noi stessi saremo costretti a dimenticare le antiche tradizioni. Forse è giusto che sia così. Le generazioni si succedono (in media quattro ogni cento anni);  è fatale che gli usi e i costumi si trasformino ed ogni epoca abbia le sue caratteristiche. Maria Delli Quadri

INVITO ALLA MADONNA DI LORETO
(A Capracotta, ogni tre anni, l’8 settembre vi sono  grandi festeggiamenti
ed è famosa la processione con i cavalli)

Madonna di Loreto a Capracotta.

Vien da noi Maria
chè noi siamo in attesa
il nostro bel paese
ti vuole festeggiar.
L’attesa la più bella
è all’alba la mattina,
se suona mattutino
per venirti a visitar.
Con grande devozione,
prendendo una corona,
unite tante donne
andiamo a visitar.
Il rosario per la via
e tutti in compagnia
dicendo sempre
Ave, Ave Maria
Rivate alla chiesetta
tutta silenziosa
c’è Maria Gloriosa,
si mettiamo a pregar
e non sapendo cosa dire
per fare allegria
cantiamo: “evviva Maria

La Madonna di Loreto – Ecco cosa riporta il sito www.capracotta.com :

“Za’r vdem’ l’8 Sttiembra”; non è insolito darsi appuntamento in occasione dei festeggiamenti che si tengono in onore della Madonna di Loreto, la festa più cara ai capracottesi, che in tale data, ritornano al paese da tutte le parti del mondo.

 Le celebrazioni, che per tradizione ignota hanno cadenza triennale, si svolgono nei giorni 7, 8 e 9 Settembre. La sera del giorno 7, la statua della Vergine, in processione aux flambeaux viene trasferita dal Santuario sito all’ingresso del paese alla Chiesa Madre; il giorno 8 si celebra con solennità la ricorrenza della Natività di Maria. I festeggiamenti si concludono con l’Atto di consacrazione alla Madonna, recitato da tutto il popolo capracottese, prima di riportare la statua nella sua sede originaria, il 9 in piazza Falconi .

Particolarmente suggestiva è la “sfilata dei cavalli” , subentrati ai muli, che, riccamente decorati con coperte e panni sfarzosi ed addobbati di fronzoli di ogni genere, scortano il passaggio della statua venerata per le vie del paese , recando il loro umile, ed in qualche caso “scalpitante” omaggio nel congedarsi.

L’origine di questa celebrazione, è strettamente legata alla leggenda di un tronco d’albero, su cui si racconta si fosse miracolosamente impressa una immagine sacra, apparsa ad alcuni locali.

Alla devozione mistica, gradualmente si è mescolato l’elemento pastorale, con particolare riferimento al rito della transumanza; è tradizione che la cappella fu edificata dai pastori, che “sentirono sorgere col tempo quasi un bisogno spirituale di consacrare quel luogo a convenirvi devotamente per invocare aiuto nella partenza, per rendere grazie nel ritorno alla Vergine protettrice dei viandanti di lunghi percorsi, la Madonna di Loreto” (L.Campanelli La Chiesa collegiata di Capracotta ).

Ancora oggi, il tramandarsi di questa sentita devozione, testimonia il profondo legame del Capracottese alle proprie tradizioni.

Foto festa 2008

[divider] Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine [divider]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.