Home / Cultura / Cultura Popolare / Canzoni e Filastrocche / Filastrocca della Gatta Nera

Filastrocca della Gatta Nera

a cura di Maria Delli Quadri 

(Tratta da “Folklore agnonese” di Michele Di Ciero)

Sera e l’aldra sera
la ‘ngundrive na atta nera
càreca càreca de salgiccia
la purtava a Masc-te Cicce

Masc-te Cicce nen  ‘nge sc-tava
e ce sc-tava na fegliola
c’ammassava casce e ova
Acchjiappemme na pezzecatella
la purtemme a Cucheccella

Cucheccella cupa cupa
sott’a rhu liètte téneva ru lupe
E rhu lupe viècchje viècchje
nen ‘nzapéva arfà rhu liètte

Cummare, va’ pe d’acqua
Cumbare sc-tenghe sc-tracca
Cummare, mannace figlieta
Cumbare, s’è maretata

Che je sci misse ‘ngape?
Rhu cuscine arrecamate
Che je sci misse ‘mbiètte?
nu pugne de cumbiètte

Che je sci misse a re piède?
Le scarpe de vetièlle
Cummare, chi s’ha pegliate?
S’ha pegliate rhu sorge ‘mbise

magna, magna ch’é saprite.

 

Questa filastrocca la cantavano a gran voce, in coro, i bimbi riuniti a frotte

Traduzione

Ieri sera e l’altra sera /incontrai una gatta nera /carica carica di salsiccia /le portava a mastro Ciccio
Mastro Ciccio non c’era /e ci stava una ragazza /che impastava cacio e uova /prendemmo un pizzico /la portammo a Zucchina
Zucchina vuota vuota /sotto al letto teneva il lupo /e il lupo vecchio vecchio /non sapeva rifare il letto
Comare, vai per acqua / Compare, sono stanca /Comare, mandaci tua figlia /Compare, si è maritata
Cosa le hai messo in testa? /Il cuscino ricamato /Che le hai messo in petto? /Un pugno di confetti
Che le hai messo ai piedi? /Le scarpe di vitello /Comare, chi s’è preso? /S’è preso il topo impiccato
Mangia, mangia che è saporito.

Musica: Giovanni Bonoli Dancing in th snow
Editing:
Enzo C. Delli Quadri

About Maria Delli Quadri

Maria Delli Quadri, Molisana di Agnone (IS), già Prof.ssa di Lettere. Amava la musica, la lettura e l'espressione scritta dei suoi sentimenti.

4 commenti

  1. Rita Cerimele

    Un bel tuffo nel passato e un omaggio a Michele, grazie Maria per questo dono

  2. Flora Delli Quadri

    E’ divertentissima questa filastrocca. 

  3. Mariaeufemiadelliquadri

    Michele ha raccolto molto del folklore agnonese, perchè era un amatore. pubblicherò ancora qualcosa

  4. Alberto Caruso

    Ciao zia Maria,
    mi ricordo una filastrocca che mi cantava nonna Eufemia che parlava di una persona, forse una vecchia, che camminava portando qualche cosa sulle spalle.
    Ne ricordo una sola strofa, che recitava:”piscia piscia c’cnarella, ngima a ru mond facem r’ cund'”.
    Non ho trovato nessuno che la ricordasse e sono oltre 40 anni che non la sento più; ti ricorda qualche cosa?

    Alberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.