Home / Cultura / Territorio / Protagonisti / Figli d’Abruzzo … dimenticati … Peter “Pete” Santoro

Figli d’Abruzzo … dimenticati … Peter “Pete” Santoro

di Geremia Mancini [1]

Nella storicaBattaglia di IWO JIMAci fu un eroe abruzzese: Peter “Pete” Santoro.


Joe_Rosenthal_iwo_jima

La battaglia di Iwo Jima si svolse durante la guerra nel Pacifico nell’omonima isola giapponese tra le forze statunitensi al comando dell’ammiraglio Raymond Spruance e le truppe dell’esercito imperiale giapponese al comando del generale Tadamichi Kuribayashi, coadiuvate da reparti della marina guidati dal contrammiraglio Toshinosuke Ichimaru.

Insieme a Okinawa, Iwo Jima rappresentava uno scudo avanzato per le isole metropolitane dell’Impero giapponeseche potevano essere coinvolte in uno sbarco degli Alleati: le due posizioni erano perciò presidiate da guarnigioni numerose e bene armate. Anche per gli Stati Uniti Iwo Jima rivestiva notevole interesse, poiché dagli aeroporti dell’isola sarebbero potute decollare le scorte di caccia ai bombardieri strategici Boeing B-29 Superfortress basati nelle isole Marianne e in Cina[2], che dal giugno 1944 colpivano le industrie e le infrastrutture giapponesi.

I lavori di fortificazione precedenti lo sbarco avevano trasformato l’isola in una vera e propria fortezza che, nonostante i bombardamenti preliminari effettuati dall’8 dicembre 1944, oppose una strenua resistenza alle unità statunitensi, principalmente del Corpo dei Marine, sbarcate il 19 febbraio sotto lo schermo protettivo di una completa supremazia aeronavale. La feroce battaglia si concluse ufficialmente il 26 marzo 1945 con il quasi totale annientamento della guarnigione giapponese e la perdita di oltre 23 000 uomini fra morti e feriti per gli Stati Uniti (nota tratta da Wikipedia).


foto 1Peter “Pete” Santoro nacque a Norwood, in Massachusetts, il 23 gennaio del 1917 da Pasquale e Carmela Ottaviani. Il padre era nato in campagna vicino a Popoli (Pescara), mentre la madre era nata a Pescara da una famiglia di pescatori. Pasquale Santoro giunse negli Stati Uniti nel 1909 e trovò lavoro nella ferrovia, ad Elmira, nello Stato di New York. Vita difficile quella di Pasquale, che comunque riuscì a risparmiare il denaro utile per portare in America sua moglie e i sei bambini che aveva lasciato in Italia. La famiglia Santoro, finalmente riunitasi, si trasferì nella cittadina di Norwood, in Massachusetts, e qui Pasquale trovò lavoro presso la ditta “Bird and Son”.  Nel frattempo arrivano altri quattro bambini e l’ultimo sarà proprio Peter. Nel 1920 per un breve periodo, circa sei mesi, papà Santoro si recò a Chicago dove entrò in contatto con pericolosi ambienti vicini al gangster italo-americano Al Capone.  Poi, per fortuna, Pasquale decise di tornare a Norwood dove, grazie all’aiuto dei figli maggiori, riuscì a migliorare le condizioni economiche della famiglia. 

Il giovane Peter sin da ragazzo fu chiamato a dare il proprio contributo.  Assieme al lavoro Peter coltivava una passione: la boxe. Durante il giorno lavorava e la sera si allenava. A soli 21 anni vinse i “Golden Gloves” dilettanti nella categoria dei massimi. Il suo limite era l’altezza, ma sopperiva con doti di grande incassatore e con un pugno che venne definito “un calcio di un mulo”. Insomma, sembrava destinato ad una buona carriera pugilistica. Nel 1938 conobbe una bellissima ragazza, Maria Lidia Lescault. E, per entrambi, fu amore a prima vista. La ragazza però gli chiese di smetterla con la boxe e Peter l’assecondò. Trovò, grazie ad uno zio della ragazza, un buon lavoro ed iniziò a pensare al matrimonio.

La guerra, però, era alle porte e lui non sapeva ancora che gli avrebbe sconvolto la vita. Peter Santoro si arruolò nella Marina Militare e come “Marine” combatté nel Pacifico. Fu impegnato nelle epiche battaglie di Roi-Namur (atollo Isole Marshall), di Saipan e di Tinian. Si mostrò coraggioso ed audace e il suo Capitano McCarthy lo volle sempre al suo fianco. Fu però la storica battaglia IWO JIMA a farne un eroe. In una prima azione riuscì, da solo, a sorprendere alle spalle sette soldati giapponesi, liberando i prigionieri americani. In un’altra, dopo un’incursione, si accorse, durante il ripiegamento, che un suo amico non era nel gruppo. Allora tornò indietro, aprì fuoco sui giapponesi e portò in salvo, attraversando un cunicolo, il soldato ferito. Ma proprio quando stava per rientrare al campo una raffica nemica lo raggiunse alla schiena. Sembrò non dovercela farcela. Ma la tempra del ragazzo abruzzese era di quelle forti.

Portato sulla Nave Ospedale “Solace” recuperò in fretta le forze e subito dopo, pur non in condizioni di combattere, chiese ed ottenne di poter tornare al campo con i suoi commilitoni. Gesto di coraggio, dedizione ed altruismo. Venne messo a capo del deposito di munizioni. Qualche giorno dopo un missile giapponese raggiunse il campo facendo numerose vittime e feriti e tra quest’ultimi, gravissimo, Peter.  Riportato sulla Nave Ospedale venne salvato e questa volta per lui la guerra era finita. Solo qualche giorno dopo la “Battaglia di Iwo Jima”, quella a cui lui ha dato un eroico contributo, era vinta.

foto 2A Peter “Pete” Santoro il Presidente degli Stati Uniti assegnò la gloriosa medaglia “Purple Heart” e alti attestati e riconoscimenti arrivarono dalla Marina Americana. Nei numerosi libri, servizi e ricerche su “Iwo Jima” c’è sempre lui, Peter “Pete” Santoro. Tornato alla vita civile Peter sposò nel 1948 la sua Maria Lidia – per lui sarà per sempre “Bunny” – dalla quale avrà cinque figli. Tornò al suo lavoro e ritrovò anche la boxe, sua antica passione. Con il consenso della moglie, si dedicò ad insegnare pugilato ai più giovani. Lo farà fino alla fine dei suoi giorni. Peter fu sempre chiamato a partecipare a manifestazioni, cortei e sfilate commemorative militari dove venivano, immancabilmente, ricordate le sue eroiche gesta.  Questo coraggioso figlio della terra d’Abruzzo morì il 9 luglio del 2009 a Bristol County, nel Massachusetts.


[1] Geremia Mancini Presidente onorario “Ambasciatori della fame”

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.