Fiera d’Agnéune

Poesia musicata e cantata dal suo autore Gustavo Tempesta Petresine [1]

Fiera d’Agnéune

Jènne menènne melune cugliènne
So jute alla fiera d’Agnéun’.
Jènne menènne cugliènne melùn’
Sctive tu suòla che ‘nziembre a nesciùne.
Sctive tu suòla che ‘nziembre a nesciùne.

Tu camenènn’ pe ‘mmièzz alla gende
Ive decènn: chi tè troppe chi niende
Fra curdecèll criozze e fune
Sctive tu suòla che ‘nziembr a nesciùne.
Sctive tu suòla che ‘nziembre a nesciùne.

T’aje fermata e t’aje arrecanesciuta
Chisse uocchie verd nen me le so scurdàte,
uocchie arretruvàte…


[1] Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

About Gustavo Tempesta Petresine

Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

Un commento

  1. Gustavo è un esempio trasparente e concreto di quanta arte italiana sia compressa e accantonata in piccole anse del nostro territorio. Tante piccole grandi perle incastonate tra le nostre montagne dimenticate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.