Home / Cultura / Cultura Popolare / La fèšta də Sandə Nùafri – La festa di Sant’Onofrio

La fèšta də Sandə Nùafri – La festa di Sant’Onofrio

Poesia di Felice Di Rienzo[1],
tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2]

Agnone Sant'onofrio - Fine della Processione
Agnone – 11 giugno – Sant’Onofrio è stato da poco riportato nella sua Chiesetta a 7 Km. dal Paese.

La fèšta də Sandə Nùafriə

La prima cósa da fèa é la bbànda
dòppə sə pènza arru fuchišta
chéssa é la štòria d’ógni annə
dòppə sand’Andògnə də jənnèarə.
L’ùldəma dəménəca də majjə
tuttə Agnéunə va ru móndə
e dòppə də la méssa vəspərtóina
ru Sandə s’arpòrta a Sand’Andògnə.
Ru dəvéutə la varra s’affitta
arru prìezzə ngə fa chèasə
anzə, ssə ci šta ru cungurrèndə
ru cumətèatə é cchjù cundìendə.
Ógni sàira sə fa la nuvòina
e la cchjésa də ggéndə s’arrégnə
chəmmùa é rru patrónə də la fròivə
e a issə c’arracumannèamə
chə tuttə l’améur’e la dəvuziéunə.
La matóina dəll’undəcə də ggiùgnə
la bbanda é prónda ggià allə sèttə
e quàndə la méssa é fənìuta
ru tamburrə sóna alla raccòlda.
Chéllə chə sə préuua nguìrə mumèndə
pə mé é sèmbrə n’emuziéunə
la dəvuziéunə chə cə šta pə ru Sandə
é na cósa c’attóira tuttə quèndə.
La ggèndə lóchə ngióima nzə cónda
lə magnatòriə só cósə chə nzə cridənə
sə passa na jurnèata dəffərèndə
na jurnèata chə t’arcórdə sèmbrə.

.

Scampagnata a Sant'Onofrio, Agnone
Si festeggia Sant’Onofrio nei pressi della Chiesetta

 .

La festa di Sant’Onofrio

La prima cosa da fare è scegliere la banda
poi si pensa al fuochista
questa é la storia di ogni anno
dopo la festa di sant’Antonio abate.
L’ultima domenica di maggio
tutti gli agnonesi vanno al monte
e dopo la messa vespertina
il Santo si porta alla chiesa di Sant’Antonio.
Il devoto “affitta” il Santo nel percorso
e al prezzo non ci bada affatto
e se si presentano tanti concorrenti
i componenti del comitato sono più contenti.
Ogni sera si fa la novena
e la chiesa si riempie di gente
perché è il patrono della febbre
e a lui ci raccomandiamo
con tutto l’amore e la devozione.
La mattina dell’undici giugno
la banda è pronta già alle sette
ed appena la messa è finita
il tamburo suona la raccolta.
Quello che si prova in quel momento
per me è sempre un’emozione
la devozione che c’è per il Santo
è cosa che attira tutti.
La gente sul monte è tanta
il mangiare è abbondante da non credere
si trascorre una giornata diversa
una giornata che ricordi sempre.

(Foto di Enzo C. Delli Quadri)

________________________________
COPERTINA POETI DIALETTALI 3[1] Felice Di Rienzo, Molisano di Agnone,  dapprima artigiano, poi carabiniere, infine postino. Usava sapientemente satira ed ironia per diletto personale e degli amici locali. Ha trasferito nelle sue poesie queste sue innate capacità. Morì il 21 aprile 1995
[2] Domenico Meo, Abruzzese di Castelguidone (CH), ma agnonese di fatto, lavora alla Asrem di Agnone (IS). Si occupa, in termini scientifici, di dialetto, riti, usi e tradizioni popolari. Tanti i suoi libri, su cui giganteggia il Vocabolario della lingua di Agnone. . In questo suo ultimo lavoro Domenico Meoopera per resistere contro il livellamento estremo della globalizzazione, ridando luce e voce alle tante bellissime sfumature del nostro dialetto, attraverso la scoperta o la riscoperta dei nostri Poeti Dialettali. (Il Libro “Poeti Dialettali di Agnone è disponibile presso Domenico Meo)

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. La festa del santo qui descritta con particolari coloriti ed ironici, raccoglie ed accoglie tutte le manifestazioni comuni alle festività in tutti i nostri paesi. Usanze e riti quasi tutti terminano con una grande libagione e in allegria ovunque. Una differenza fra questa festa e quella del patrono del mio paese Montefalcone: il nostro sant’ ANTONIO non “VIAGGIA” non si sposta da una chiesa ad un’altra perché la nostra è chiesa madre UNICA (non così ricco di chiese il mio paese, come la vostra cara AGNONE…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.