Famme ssa ’mmasciate

1
995

di Rodrigo Cieri [1]

sfondo-luna-stelle

Famme ssa ’mmasciate

   Quanda lu ciele fòrene le štelle
e n’aria fresche m’accarezze ‘n fronte,
sente ch’allore è lu mumente bbelle
de fa’ nche lu pensiere a ttè nu ponte.

   La lune spanne nu lenzole bbianche;
lu cante de la fonte esce chiare
dicenne ca št’amore mà’ se štanche;
lu scojje n’ze separe da lu mare.

   La luce a ssa feneštre s’è štutite
e gné na rose sonne a tté de magge;
de la lune te fasce lu lucore.

   Suspire a ssu cuscine ammurbidite.
Che notte!… Štenne tu pe’ mme nu ragge:
è lu messagge forte de štu core!

Fammi un’ambasciata

Quando il cielo bucano le stelle
E un’aria fresca m’accarezza in fronte
Sento che allora è il momento bello
Per far con il pensiero a te un ponte.

La luna spande un lenzuolo bianco;
il canto della fonte esce chiaro
dicendo che quest’amore mai si stanca
e come l’acqua s’accresce del mare.

La luce alla tua finestra s’è spenta
Ed io ti sogno come rosa di maggio;
della luna di fasciano i raggi;

sospiri sul tuo cuscino ammorbidito.
Che notte! Manda tu per me un raggio:
E’ il messaggio forte di questo cuore.


[1] Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi. La poesia più sopra riportata è tratta dal suo libro di poesie, “Pietre”.

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

1 COMMENTO

  1. Le stelle bucano il cielo e questa poesia buca un po’ l’anima: al chiarore della luna il pensiero raggiunge con un ponte ideale l’amore e lo culla…su un morbido cuscino.
    Romantica sensibilità di un innamorato!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.