Home / Cultura / Cultura Popolare / Esequie….

Esequie….

Gustavo Tempesta Petresine [1]


Paese Abbandonato

Esequie….

Le strade assorbono
gli ultimi rintocchi.
Campane listate a lutto.
Stropiccio mesto e rigido:
come vetroso.

Non è stato mai abitato

Questo luogo.
E questa gente,
da dove è mai venuta?
Questa gente.
Sonnecchiano solo
le porte serrate
in questo abbandonato
paesare d’inverno.
Per aggregare i vivi
subiamo un contributo
dalla morte.


[1] Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

About Gustavo Tempesta Petresine

Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

4 commenti

  1. Flora Delli Quadri

    Bella!

  2. Un Pensiero che condivido pienamente:
    “..Come in guerra…
    si taglia a fette l’aria nel forte
    in questa terra
    ci scopriamo coesi solo quando
    alita sulla pelle la morte.”

  3. Antonia Anna Pinna

    Gustavo mi trapassa sempre e mi si ferma il cuore.

  4. Tristemente sole quelle case, che pure furono piene di vita!
    La malinconia di questa poesia oggi pur ci fa bene… ci invita ad essere forse più solidali, più accoglienti, proprio per non perpetuare anche l’abbandono di persone, oltre che di luoghi…
    Bella espressione LETTERARIA ” paesare d’inverno…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.