Home / Cultura / È rrevéte Natale

È rrevéte Natale

di Tiberio La Rocca
in dialetto di Poggio Sannita

È rrevéte Natale

Ogne anne, da sempre,
gna vè cuscte meménde
ogne cosa ze cagna,
cagna pure la iènde.

Semme tutte cchiù bbuone,
semme tutte chendiénde
e pe na volda…penzamme,
pure a chi nen tè niende.

La chescienza pelimme,
che ddù suolde a coune
che ntè che ze magnè,
e scta sempre a ddeiune.

E gerémme le vie,
tutte chénde a chemprà
z’enna fa le reièle,
è Natale…..ze sa!

E a vegilia, la sera,
tutte chénde a magnè
ma gn’è bella stca festa,
e le reiéle pe mme?

Cuss’è mò le Natale,
Gese Criste? E chi è?
Le presepie? Nen serve,
Suò reiéle e magnè!

E’ cagnéte le munne,
e de Gesù peverielle
nza recorda nesciune,
prima, scì…ca era bielle!

È arrivato Natale

Ogni anno, da sempre,
quando arriva questo momento
ogni cosa cambia,
cambia pure la gente

Siamo tutti più buoni,
siamo tutti contenti
e per una volta …pensiamo,
pure a chi non ha niente.

La coscienza puliamo,
facendo un’offerta a qualcuno
che non ha da mangiare,
ed è spesso a digiuno.

E giriamo le vie,
tutti intenti a far compere
bisogna fare i regali,
è Natale, si sa!

E la sera della Vigilia,
tutti quanti a mangiare
come è bella questa festa,
dov’è il mio regalo!

Questo è adesso il Natale,
Gesù Cristo? E chi è?
Il presepe? Non serve,
Son regali e mangiare!

È cambiato il mondo,
e di Gesù poverello
non si ricorda nessuno,
prima, sì…che era bello!

Copyright: Altosannio Magazine
EditingEnzo C. Delli Quadri

About Tiberio La Rocca

Tiberio La Rocca, Molisano di Poggio Sannita (IS), coltiva da sempre la passione per la poesia e in particolare per il dialetto di origine; ha pubblicato molte raccolte di poesie, con le quali ha ottenuto riconoscimenti e premi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.