Home / Cultura / Cultura Popolare / L’ultima neve di maggio

L’ultima neve di maggio

Duilio Martino [1]

ultima neve

L’ultima neve di maggio

Così mi sento,
oh madre,
incolta terra e rivoltata;

sepolta dalla neve ultima di maggio
la mia anima appare torba morta.

Di Te mi parla la quietudine,
l’assenza mi tormenta e agghiaccia
quando in mia inquietudine sgomento giaccio
– ora è legnoso il volo dell’aitante
airone verso il porto.

Così mi sento
come in un arido deserto
tramortito dal vento infido di ponente
e col fiato corto…
disarcionato e disperato,
frasca scacchiata…
si!…
Così mi sento,
fogliame d’acero tagliato!

Aspro e oscuro m’assorda e scudiscia il vento.

 

____________________________
[1] Duilio Martino, Abruzzese di Fraine (CH), ha sempre coltivato la passione per la sua terra di origine e per l’arte, in primis la poesia, alla quale ha dedicato una fetta importante della sua vita.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine 

 

About Duilio Martino

Duilio Martino, Abruzzese di Fraine (CH), ha sempre coltivato la passione per la sua terra di origine e per l’arte, in primis la poesia, alla quale ha dedicato una fetta importante della sua vita.

4 commenti

  1. Antonia Anna Pinna

    Molto intensa.

  2. “SOTTO LA NEVE PANE” proverbio ricorrente nei nostri paesi montani, dove quasi ogni inverno è prodigo di tanta neve, che dura a lungo oltre l’aprile…ma poi la sfiducia ci “accora”se essa deborda, come il dolore che va oltre e scacchia –verbo forte e onomatopeico quasi – i limiti della sopportazione e della speranza di raccogliere il pane, che sotto la neve non cresce!Gradevole la forma metrica dei versi …

Rispondi a Antonia Anna Pinna Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.