Home / Cultura / Cultura Popolare / Racconti / Donna sul pagliericcio

Donna sul pagliericcio

Scritto di Sergio Troiano[1]

Donna sul pagliericcio

Questa donna sta proprio a terra, a dormire.

Da noi, tutti, anche i più poveri, lo tenevano un lettino. Di solito, nella forma più semplice, era fatto con due travetti longitudinali pesanti di quercia e da una decina di tavolette trasversali leggere di pioppo, che andavano cambiate di tanto in tanto perché si tarlavano e si rompevano.

Cosa impreziosiva il letto erano le testate che in quello dei miei genitori erano di ulivo: non mi stancavo mai di osservare quelle belle nervature, tipiche di quel tipo di legno.

A dispetto della apparente miseria della sistemazione e della casa, la coperta il cuscino e la stessa camicia da notte, o forse sottana della donna, sembrano invece essere addirittura nuove di zecca e dunque direi che si tratta di una giovane novella sposina, che forse è alla prima o alle prime notti da sposata. Viene da pensare che il marito, a cui tocca fornire la struttura del letto, non abbia ancora provveduto a preparare il materiale e le tavole e dunque si dorme provvisoriamente per terra.

Stupisce anche la presenza di quel grosso sacco in tela bianca, pieno forse di grano, e probabilmente facente parte della dote della sposa. Per quanto posso ricordare io, a parte che erano tutti rappezzati, i sacchi erano di colore marrone perché fatti con le fibre della canapa, che coltivavamo noi stessi proprio per quello scopo e dunque sorprende che quello sia stato fatto con una tela diciamo bianca e pregiata.


[1] Sergio Troiano, abruzzese di Schiavi d’Abruzzo, residente a Pescara, insegnante di Chimica in pensione, si reputa fortunato per aver avuto il raro privilegio di vivere i miei primi sei anni di vita in pieno medioevo, in contrada Cupello di Schiavi.

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.