Home / Cultura / Cultura Popolare / D’nènd’ a na surgènd’ – Davanti a una sorgente

D’nènd’ a na surgènd’ – Davanti a una sorgente

Poesia di Giuseppe Delli Quadri [1] tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2]

Agnone - Sorgente del Verrino (Foto di Pietro Falcioni)
Agnone – Sorgente del Verrino (Foto di Pietro Falcioni)

D’nènd’ a na surgènd’

M’glìera d’ štizz’ d’acqua arraunóit’
ìešš’n’ tutt’ nzìembra dalla tèrra.
Só gné ttanda gliummarìell’
fatt’ ch’ ru fil’ d’ vriti’;
ch’ zómban’ p’ sópra
etèrnamènd’
davéndr’ arru cutóin’.
Zómban’ gné c’llucc’ trasparènd’,
gné c’llucc’ d’ lìuc’e d’argìend’
ch’ càndan’ cundìend’,
cóm’ ss’ dall’ carc’r’ sótt’ tèrra
ššiss’n’a l’bb’rtà sópr’ alla tèrra;
e s’arrìgn’n’ d’ règg’ d’ séul’;
e fìen’ da spèrchj’ arr’ cìell’ ch’ vólan’
e all’ štéll’ lucènd’ d’ ru cìel’
d’ nòtt’ tén’ mènd’.
Chir’ ch’ zómban’ dòpp’
sémbra ca vùssan’ chir’ ch’én’ ššiùt’ appróima;
dapùa s’accócchjan’, curr’n’ capabball’
mmìes’ all’ vr’cciulétt’
d’ ru uallungìell’.
Càndan’ d’ cund’ndézza
na canzàun’ d’ vìesc’, d’ suspóir’
d’améur’, u’lójj’ d’ pr’nézza
chènd’e sùon’ d’ tutt’ ru munn’,
ch’ ìešš’n’ darru cór’ d’ la tèrra
e par’ ca dic’n’ grazi’ arru Patrétèrn’.
Ué bbanéum’ ch’ curr’ sénza scìet’
c’rcann’ chi sa ché sópr’ alla tèrra!
Férmat’ na nzé v’cióin’ alla surgènd’,
férmat’ na nz’gn’tèlla sólamènd’!
Arpósat’ na nzégna ècch’ v’cióin’,
sótt’ all’ frisch’ d’ ru p’dalucc’!
Arfréscat’ l’ mìen’ davéndr’ all’acqua.
Tìejj’ na nzégna mènd’
cóm’é frésca e lucènd’
la surgènd’;
sìend’ ch’ sùon’. . .
ch’ t’addulgišš’ l’alma.
Ma ss’ t’ vó fa na vév’ta
ècch’ ngi šta bb’cchìer’;
p’ f’arr’vìe l’ labbra fin’e l’acqua
acciùccat’e j’nòcchjat’,
mitt’ la frónd’ ndèrra
tal’e quàl’ gna fa chi préga Ddójja.

Agnone - Cascate del Verrino 7 - Foto di Pietro Falcioni
Agnone – Sorgente del Verrino (Foto di Pietro Falcioni)

Davanti a una sorgente

Migliaia di gocce d’acqua riunite
escono tutte insieme dalla terra.
Sono come tanti piccoli gomitoli
fatti con filo di vetro;
che saltano in su
eternamente
dentro una pozza.
Saltano come uccellini trasparenti,
come uccellini di luce e d’argento
che cantano contenti,
come se dal carcere sottoterra
uscissero a libertà sopra la terra;
si riempiono di raggi di sole;
e fanno da specchio agli uccelli che volano
e alle stelle lucenti del cielo
di notte guardano.
Quelli che saltano dopo
sembra che spingano quelli che sono usciti prima;
poi si uniscono, corrono giù
in mezzo ai sassolini
del ruscello.
Cantano contenti
una canzone di baci, di sospiri
d’amore, aneliti di fecondità,
canti e suoni di tutto il mondo,
che escono dal cuore della terra
e sembra che dicano grazie al Padreterno.
O buon uomo che corri affannosamente
in cerca di chi sa che cosa sulla terra!
Fermati un po’ vicino alla sorgente,
fermati un pochino solamente!
Riposati un po’ qui vicino,
sotto l’ombra dell’alberello!
Rinfrescati le mani nell’acqua.
Guardala un po’
com’è fresca e lucente
la sorgente;
senti che suono. . .
che ti addolcisce l’anima.
Ma se vuoi bere
qui non c’è bicchiere;
se vuoi far giungere le labbra fino all’acqua
chinati e inginocchiati,
poni la fronte a terra
così come fa chi prega Dio.

________________________________________________

COPERTINA POETI DIALETTALI 3[1] Giuseppe Delli Quadri Molisano di Agnone, da autodidatta acquisisce il diploma di Magistrale , poi, di Direttore Didattico. Persona seria nei suoi ideali politici, morali e etici, assertore dei valori delle tradizioni e del vernacolo, collabora con il Devoto, che sovente studia i dialetti italiani. Le sue poesie sono quasi tutte inedite, come pure i bozzetti comici. Muore ad Agnone il 9 maggio 1990.
[2] Domenico Meo, Abruzzese di Castelguidone (CH), ma agnonese di fatto, lavora alla Asrem di Agnone (IS). Si occupa, in termini scientifici, di dialetto, riti, usi e tradizioni popolari. Tanti i suoi libri, su cui giganteggia il Vocabolario della lingua di Agnone. 

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

2 commenti

  1. Poesia bella, fresca e canterina, intrisa di mille gocce poetiche che parlano di fiori, d’erba e di uccelli, svelando l’anima stessa del poeta, ricca e feconda che sapeva bere l’acqua altrettanto fresca e pura come la sorgente, e davanti alla quale invita anche noi a dissetarci, giungendo le mani e ringraziando Dio per il dono dell’acqua di vita.

  2. Antonia Anna Pinna

    Ma se vuoi bere
    qui non c’è bicchiere;
    se vuoi far giungere le labbra fino all’acqua
    chinati e inginocchiati,
    poni la fronte a terra
    così come fa chi prega Dio. Che bella poesia. Fonte di vita vissuta lottando e pregando me ringraziando sempre Dio. Meravigliosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.