Home / Cronaca / Attualità / D’Aquila Penne, ugne di leonessa – Gli Alpini a L’Aquila il 7-9 ottobre

D’Aquila Penne, ugne di leonessa – Gli Alpini a L’Aquila il 7-9 ottobre

giustizieri-copertinaCon il segno distintivo «D’AQUILA PENNE, UGNE DI LEONESSA» posto nello stemma araldico del Battaglione Alpini “L’Aquila” si aprono i tre giorni del 1° Raduno nazionale nel ricordo del Battaglione stesso.

Venerdì 7 ottobre, alle ore 16, presso l’Auditorium del Parco dell’Aquila, verrà presentato il libro di Gianfranco Giustizieri “Gli Alpini, D’Annunzio, un Motto. Storia, Poesia, Leggenda in terra d’Abruzzo e anche oltre”, Carabba, Lanciano, 2016.

   Dopo il saluto delle Autorità seguiranno gli interventi di Maurizio Capri, Walter Capezzali e di Maria Rosaria La Morgia che, oltre a condurre l’incontro, intervisterà l’autore e il Presidente della casa editrice “Rocco Carabba”.

   Il libro, nato all’interno dell’Archivio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito e munito di apposita e specifica autorizzazione per la pubblicazione documentale, ripercorre la storia della nascita del Battaglione e del suo Motto nel lontano 1935 attraverso l’esame dei faldoni militari di quegli anni. Inoltre l’indagine incrocia il suo percorso con la vita e la scrittura di Gabriele d’Annunzio alla ricerca dell’originale memoria enunciativa di quel «D’AQUILA PENNE, UGNE DI LEONESSA» con un significato ben diverso dal diffuso copia/incolla dell’età moderna.

   Uno stile “giallo” conduce il lettore, pagina dopo pagina, alla scoperta di itinerari narrativi che scorrono paralleli ma che a un certo punto s’incontrano per trasmettere la Storia e tramandare diverse storie personali e collettive. Così il motto diviene un distintivo di fierezza, di orgoglio, di sofferenza, di sangue, di pace, un “segno” che dona un’appartenenza.

 

 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.