DA UN “CUORE” DI ANNI FA: IL NOSTRO COMMERCIO

2
971

La Agnone del passato era una città artigiana per eccellenza, con un elevato potenziale economico. Ancora negli anni ’60 del secolo scorso, questa prerogativa ne caratterizzava il tessuto sociale. Vincenzo Cacciavillani, un bambino di 10 anni che nel 1962 frequentava la 4° elementare, ci offre questo spaccato sulla Agnone dell’epoca che ha dello stupefacente per il rigore e la completezza dell’informazione.

cuore2

Il seguente “pensierino” è tratto dal giornalino “Cuore” edito dalle Scuole  Elementari di Agnone negli anni che vanno dal 1961 al 1968. Grafico elaborato dalla redazione (n.d.r.)

 

IL NOSTRO COMMERCIO…
Cacciavillani Vincenzo – classe 4°- sez. B – Agnone – 1962

Commercio e Artigianato in Agnone
Commercio e Artigianato in Agnone

Ho domandato al babbo sul numero e la specie dei negozi e botteghe artigiane del mio paese, perché solo dal suo ufficio  si possono sapere tali notizie.
In Agnone ci sono 146 negozi; di essi 53 vendono generi alimentari.

I rimanenti vendono generi diversi e non alimentari, tra cui:

26 di tessuti e abbigliamento;
6 di calzature;
2 di cappelli e berretti;
3 di mobili;
9 di oggetti preziosi e orologi;
3 di elettrodomestici;
2 di cartoleria, cancelleria e libri;
2 di giornali e riviste;
4 di apparecchi radio e televisori;
4 di profumeria;
6 di bombole di gas liquido

Le botteghe artigiane sono:
4 officine meccaniche;
26 calzolai;
4 maniscalchi;
13 falegnami,
2 fabbri,
5 pittori,
8 sarti,
9 barbieri,
4 parrucchieri,
2 fotografi,
1 orefice, ( orafo nda)
10 muratori,
6 appaltatori edili,
1 fabbrica di mattoni,
12 ramai,
2 barilai,
2 industrie del rame,
1 fonderia di campane,
1 lanificio,
2 dolcieri,
1 bilanciaio.

Però nel mio paese vengono esercitate altre attività che non risultano dagli atti dell’ufficio del babbo. Molte donne lavorano a maglia, altre tessono con i telai antichi e fino a pochi anni fa c’era ancora uno scarda-lana

2 Commenti

  1. Vedo che non è menzionato nessun “Forno” che vende o
    comunque cuoce pane .
    Ecco la prova che….non si vive di solo pane obiettò qualcuno ,
    ma forse ed è più probabile che venissero elencati gli almeno
    8 forni del tempo o in negozi alimentari o come botteghe artigianali .

    • Otto?
      Patriarca a sant’Antonio,
      Antonetta alla ripa,
      Mercede per il corso,
      Turlonio pure per il corso.
      Bomba per il corso
      Franco per il corso
      Chi sono gli altri? mi sfuggono. Comunque è come dici tu, colui che vende pane è equiparato ad un normale venditore di generi alimentari. Quello che mi stupisce sono proprio i 53 negozi di generi alimentari, sono davvero tanti e non riesco a collocarli nella memoria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.