Home / Cultura / Cultura Popolare / Chìa fu ru próimə – Chi fu il primo

Chìa fu ru próimə – Chi fu il primo

Poesia di Giuseppe Delli Quadri [1],
tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2] Cristoforo Colombo

Chìa fu ru próimə

Quàndə Crəštòfərə Culómbə jèttə
all’Amèrəca, nu jurnə, pə sapajj’
chə succədéva lóchə attórnə, sə facèttə
na passəìeta. Jèttə pə v’dajjə,
štàvanə ddu carvunìerə cutəjènnə
chə nu vəlangiàunə a pəsà carvìunə
e rru marchə iva ngima currènnə.
Crəštòfərə səavvəcənèttə a ìunə
e addumannèttə: – Chi və cià purtatə
ècchə, ru dəjèvr’? – Chirə jarrəspunnìernə:
– Nu sémə də Capracotta, émə passatə;
passamə sèmbrə, jémə pìurə arru mbìernə.
Culómbə, puvərìellə, nəarmanèttə.
Sə štrəquələjèttə l’ùocchjə, nə nsapàiva
ssə štava all’èrta o durmóiva. Dəcèttə:
– Nən mə nə pòzzə fa capacə, crədàiva
ca prima də mé ngéva štatə cuvìellə;
cómə étə fattə a mənì vurrìa sapajjə.
Ssə ciarpènzə mə sə vòlda ru c’rvìellə.
Dòppə na nzégna ardəcèttə: – Allə bbarchə majjə
étə mənìutə annascùoštə certamèndə.
Chirə na bbèlla rəsèata sə facìernə;
rədènnəgliə mbaccia jə tənìernə mèndə
e dəcìernə: – Ma fuššə Patrétèrnə!
Pózzə šta bbùonə Crəštòfərə! Arrəvèmmə
ècchə vind’ ènnə fèa chə nu bbarchéunə
crədènnə d’èssə rə próimə. . . pó vədèmmə
ca ggià cə štàvanə rə callarìerə d’Agnéunə.

 Calderai e Arrotini_

Chi fu il primo

Quando Cristoforo Colombo andò
in America, un giorno, per sapere
cosa gli avveniva intorno si fece
una passeggiata. Poté così vedere
due carbonai che si davano da fare
con una grossa bilancia a pesare carboni
e il romano saliva su velocemente.
Cristoforo si avvicinò a uno di loro
e chiese: – Chi vi ci ha portato
qui il diavolo? – Quelli gli risposero:
– Noi siamo di Capracotta, siamo passati,
passiamo sempre, andiamo anche all’inferno.
Colombo, poveretto, rimase di stucco.
Si stropicciò gli occhi, non sapeva
se stava in piedi o dormiva. Disse:
– Non posso capacitarmi, credevo
che prima di me non c’era stato nessuno,
vorrei sapere come avete fatto ad arrivarci.
Se ci ripenso mi dà di volta il cervello.
Dopo un po’ ridisse: – Nelle mie barche
siete venuti nascosti certamente.
Quelli si fecero una bella risata
e ridendogli in faccia lo guardarono
e dissero: – Credi di essere il Padreterno!
Che tu possa stare bene Cristoforo! Arrivammo
qui venti anni fa con un barcone
credendo di essere i primi. . . poi vedemmo
che già c’erano i calderai di Agnone.

 

 

________________________________________
COPERTINA POETI DIALETTALI 3[1]Giuseppe Delli Quadri Molisano di Agnone, da autodidatta acquisisce il diploma di Magistrale , poi, di Direttore Didattico. Persona seria nei suoi ideali politici, morali e etici, assertore dei valori delle tradizioni e del vernacolo, collabora con il Devoto, che sovente studia i dialetti italiani. Le sue poesie sono quasi tutte inedite, come pure i bozzetti comici. Muore ad Agnone il 9 maggio 1990.
[2] Domenico Meo, Abruzzese di Castelguidone (CH), ma agnonese di fatto, lavora alla Asrem di Agnone (IS). Si occupa, in termini scientifici, di dialetto, riti, usi e tradizioni popolari. Tanti i suoi libri, su cui giganteggia il Vocabolario della lingua di Agnone.  (I libri di Meo sono disponibili telefonando allo 0865 78647)

 Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine 

 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

2 commenti

  1. cara FLORA, stupenda poesia… ironia bella ed antica maestria ( ora mi spiego la familiarità o meglio la vostra arte di scrivere, specie di Maria… IL VOSTRO STILE ! è un “peccato originale”!

  2. Splendida descrizione, a dimostrazione che da sempre, dai nostri paesi, per cercare lavoro, per cercare fortuna, per poter sopravvivere, …si partiva con la speranza nel cuore, senza sapere dove andare, poichè si credeva che ogni posto potesse offrire migliori possibilità di lavoro, migliori condizioni di vita e di “sopravvivenza” rispetto al paese di provenienza!
    La bella poesia, con la trovata finale, ci fa sorridere. … Forse, però, vuole anche nascondere tante storie di povertà, nei nostri paesi, che ci inducono a pensare … con grande tristezza nel cuore! …

Rispondi a Leonardo Tilli Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.