Home / Cultura / Cultura Popolare / Chi gné ‘ne paradise – Come fosse un Paradiso

Chi gné ‘ne paradise – Come fosse un Paradiso

di Gustavo Tempesta Petresine

Chi gné ‘ne paradise

torrente-in-piena-225x300 (1)Era de viérne, e viéspre già menéva
Quanda ‘ne lume forte m’allumètte.
Faceva allora scure,e ie penzìve:
d’addunna ve ‘sta luce ca n’è notte!

Gnà fa l’acca de sciume ca travòlda
le cose ca ze porta anniènze piétte,
ie me truvìve travuldàte e mupe
e tutte re penziére ca teneva
ze jèttene scuagliènne che la notte.

Sendéva ‘ne sciusciuà dolge de viénde
ca ‘nguolle me faceva “cille cille”
Ascì m’abbandunìve alla dulgézza
e alla carezza ca me faceva quille.

Può m’addurmìve de ‘ne suonne chine,
pure la morte ze ne jètte lundàne,
e arremettètte re relorge arréte
sapenne ca ‘nge stà uoje e ddemane.

E ie me la redéva zitte zitte
uardànne l’infinite loche ‘n gime,
d’addù ‘na sctella ascégne e ze fa ome
e può z’arrefà sctella chi gné prima.
 

Come fosse un paradiso

Era d’inverno e il vespro già calava
quando una forte luce mi illuminò.
Faceva allora sera ed io pensai
“da dove viene questa luce, se sta facendo notte” 

Come l’acqua di fiume che travolge
le cose che gli ostacolano il cammino
Io mi trovai travolto e muto,
e tutti i miei pensieri nella testa
andarono sciogliendosi con la notte. 

Sentivo un frusciare dolce di vento
che mi solleticava,
così mi abbandonai alla dolcezza
e alla carezza che mi faceva quello. 

Mi addormentai di un sonno duro.
Anche la morte andò da me lontano
rimandando l’attimo della mia fine,
sapendo che il tempo è solo un’invenzione umana. 

E io ridevo senza fare rumore
ammirando l’infinito sopra di me,
dove una stella scende vestendosi d’umano
per poi tornare stella, come prima.

________________________________________
[1] Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti. Il suo lavoro più bello: il libro di poesie “Ne Cande”

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

About Gustavo Tempesta Petresine

Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

2 commenti

  1. Flora Delli Quadri

    Quant’è bella!

  2. Antonia Anna Pinna

    Bella è poco. Nessuna parola mi esce mi sento piena d’amore.

Rispondi a Flora Delli Quadri Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.