Home / Cronaca / Attualità / Economia e Politica / Quelli che l’illusione, ovviamente in buona fede, la praticano ogni giorno

Quelli che l’illusione, ovviamente in buona fede, la praticano ogni giorno

Transiberiana, Scuole,Teatri….tutto in discussione

di Enzo C. Delli Quadri

Di fronte alle tre non inattese tristi notizie riguardanti il Teatro dell’Alto Molise, Le Scuole di Agnone e la Transiberiana d’Italia, non posso non parlare della grave  illusione che viene seminata a piene mani, ogni giorno, seppur i buona fede, Sono anni che, prima con  l’Associazione ARAM, poi con l’Associazione MAJELLA MADRE,  poi con l’Associazione ALMOSAVA, vado ripetendo che: l’aspetto principale del nostro territorio, non consiste nella capacità politica di difendere l’esistente.

Mi tolgo il cappello di fronte a tutti coloro che si son dati da fare per organizzare Manifestazioni, Riunioni,  Seminari, Rappresentazioni, Comitati, a favore del nostro territorio. Ma per fermare la  desertificazione demografica, patrimoniale, economica e morale, non bastano le proteste, non bastano le manifestazioni, non bastano i Comitati a difesa dell’esistente. Occorre, viceversa, far proprio un progetto che abbia a base fondamentale: il ripopolamento del territorio.

In questo senso le uniche  strade percorribili sono

  1. l’alleanza o la unione o l’aggregazione tra tutti i comuni interessati dal problema. Per me, sono tutti quelli a confine tra Abruzzo e Molise e che individuo come Alto Molise Sangro Vastese
  2. La richiesta comune, per questo territorio, di una fiscalità di vantaggio (vedasi l’articolo di Danilo di Nucci  http://www.altosannio.it/limmediata-soluzione-la-rinascita-la-fiscalita-vantaggio/ )

Chiedo scusa a chi si è impegnato ed è ancora impegnato in manifestazioni o comitati, so di essere duro, ma la chiarezza, in questi casi, è importante:  un’azione, diretta solo a difesa dell’esistente,  è perdita di tempo e frustrazione (perché, se nulla cambia, le cose peggioreranno sempre).

La frase del sindaco di Agnone, Michele Carosella, nell’articolo di stampa più sotto riportato, è di una verità assoluta che non ammette infingimenti, bizantinismi, abberciamenti o benealtrismi del tipo: si, ma non è questo il problema!!!

Il Teatro dell’Alto Molise  rischia di chiudere

Nunzia Zarlenga sta, encomiabilmente, lanciando un appello: Per Natale regalati e regala l’Italo-Argentino! Leggo con dolore che lo storico teatro Italo-Argentino rischia di chiudere i battenti. Non si può assistere a questa “morte” senza fare nulla….sarebbe omissione di soccorso, praticamente un reato, ed è un peso che nessun agnonese e non, può caricarsi sulla coscienza. Dobbiamo salvarlo! Servono 70 mila euro, non è un’impresa impossibile, ci vogliono 700 persone disposte a regalare al proprio paese 100 euro! 100 euro….meno di 10 euro al mese!

Le scuole di Agnone vengono accorpate per mancanza di alunni

 

La Sulmona_Carpinone viene chiusa anche al progetto di Turismo Organizzato.

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.