Il 24 maggio 1915 veniva inaugurata la ferrovia Agnone-Pescolanciano

3
5914

a cura di Paola Giaccio [1]

 FERROVIA AGNONE-PESCOLANCIANO viaggio inaugurale 24 maggio 1915

il 24 maggio 1915 partiva da Agnone il primo treno (nella foto) per Pescolanciano, mentre l’Italia entrava ufficialmente nella prima guerra mondiale.

Il 24 maggio ricorrono entrambi i solenni storici eventi.

La costruzione della linea ferrata venne chiesta dalle popolazioni locali con lo scopo di rompere l’isolamento delle aree interne del Molise sin dall’inizio del secolo XX. Il progetto, redatto dall’ingegnere agnonese Federigo Sabelli, e fortemente voluto e sostenuto specialmente dai cittadini di Agnone che infatti, per farlo, fecero una raccolta fondi che, come certificato, fu molto partecipata. Tutti, anche chi possedeva poco, decisero di metterci qualcosa.(Erano altri tempi, quelli!)
Venne approvato negli anni dieci ed autorizzato l’esercizio con trazione elettrica; fu aperta al traffico nel maggio 1915 dalla Società per la Ferrovia Agnone-Pescolanciano (SFAP) che ne era la concessionaria.
La linea aveva caratteristiche spiccate di ferrovia di montagna superando in qualche punto anche i 1.100 m s.l.m.   La gestione venne assunta in seguito dalla società concessionaria SAM (Servizi Automobilistici Molisani).
La ferrovia svolse servizio viaggiatori e merci in piccole partite fino alla seconda guerra mondiale. Realizzava anche la coincidenza con i treni della linea Sulmona–Isernia nella stazione di Pescolanciano.
Se gli antichi binari fossero rimasti ancora intatti, sarebbero stati senza dubbio una piacevole attrazione turistica.  Si, perché sulla vecchia ferrovia viaggiavano treni a trazione elettrica, per gli inizi ‘900 davvero all’avanguardia. Un’opera ecologica e con il privilegio di attraversare boschi e paesaggi naturali di pregio.
Venne distrutta nel settembre del 1943 dai guastatori tedeschi in ritirata che ne minarono tutte le opere d’arte distruggendone in maniera capillare le infrastrutture. A causa dei gravi danni subiti non ne venne prevista più la ricostruzione.

Furono tanti i giovani che presero quel treno per andare a combattere sulle rive del Piave nella guerra mondiale del 15/18. Pochi di essi tornarono…….

__________________________________________________
[2] Paola Giaccio, Molisana di Agnone, libera professionista, ama profondamente la sua terra d’origine e ad essa dedica tempo e risorse, per divulgarne la bellezza.


Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

 

3 Commenti

  1. Molte tracce del passato lontano o recente spariscono se non intervengono lavori di restauro o di mantenimento , ma del resto CONSERVARE proprio tutto non è possibile …l’importante è conservarne memoria come in questo caso ed anche documenti.
    Anche RINNOVARE può essere un segno positivo…in questo caso mi pare d’aver capito che al posto della ferrovia sia sorta una strada : è pur sempre un COLLEGAMENTO, un modo di mettere in comunicazione… dunque non tutto è perduto.

  2. Mi ricordo (se di quella ferrovia si tratta ) che negli anni 50 dil ritorno da Agnone per una visita a Gennarino Quaranta, quando passavamo davanti al bivio per Pietrabbondante, mia madre Medora Marracino ci parlava sempre della stazione di Tre Termini, un fabbricato fatiscente (distrutto dai tedeschi, diceva la mamma) !!! Ma io ero bambina e non capivo come fin lassù ci potesse arrivare una linea ferroviaria. Sto parlando della stessa linea di cui oggi ci lasciate questa memoria??? Quanti ricordi avete risvegliato in me!!!! Grazie

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.