Home / Cultura / Cultura Popolare / Poesie (page 8)

Poesie

Sciore de Jenesctra

Poesia di Gustavo Tempesta Petresine [1] Sciore de Jenesctra Arremenènne sagliéva pe la via addù le curve so serpendiélle fine, e zig-zagghene e viène arrengemènnese vèrse re Piéscche e Capracotta ‘n gime. Da là, sotte a Sandagnere, le cuoscte  giallévene de sciùre profumàte e arre core de re miézzejuorne l’ombra …

Read More »

Dentro la nebbia

di Federico e Francesco Ceccattini   Dentro la nebbia gli alberi appaio silenziosi e segnano il cammino. In mezzo ai monti un fiume, un praticello, un campanile e pochi tetti sparsi. Luci appannate sulle strade vuote e pochi animaletti in un cortile. Dentro la nebbia sbiadiscono i colori e come …

Read More »

La voja de  mericule

Poesia di Antonia Anna Pinna La voja de  mericule Me vuoglie recumbrà la casa me, L’addore de Tatone quanne fuma. La macchia de sudore de le mure I l’uocchie de chi canda p’ le sciale. Ve penze sembre i ne me pare vere; Cumm’ eme state belle tutte aunejte. Na …

Read More »

Pergola di maggio TANKA

di Marisa Gallo Trionfo del glicine, di sovrana bellezza e gran profumo ! S’empie intorno la via quando ritorna maggio. Qui regna amore; bellezza e gioia regnano in questa quiete… E parleranno i cuori col glicine in fiore. Ma intensa e breve è la stagion d’amore, a primavera. Così il …

Read More »

Le Vine – Il vino

Tiberio La Rocca[1]  Le Vine Prima de la mmalatia ogni tante capetava, specialmende ngò candata,  cò bbechier ce scappava. – Ne nnè cosa mmalamende basta sol ca nnè cite, se può viv liend liend, te fa bène nen t’accide. – Sci, le vine è medecina, l’hia pegliè matina e sera …

Read More »

Ru pescatore e ru pensatore

di Bruno Marinelli [1] Ru pescatore e ru pensatore Re pescature la chiamane: ”La serpa”. Ce stanne tante curve e currentine, tra re chiù bieglie poste de ‘stu sciume, ce vade, quacche vota la matìne. ‘Na allnella se nazzeca ch’ l’onde, doppe ‘nu poch’ se ferme pe’ cuvà, ‘n’airone cenrine …

Read More »

Paiese me’

di Arturo Ursitti [1]  Paiese me’ Ddù file de case ’ngiallite, ddù vie che mozzane i’ fiate, ddù chiese pe’ tanta peccate, tre funde, tre funde seccate, sopr’a ’nne colle de vénde. La Foce: ’na conca sfennata, ’na conca ’i sedore sedate ’mmes’a ddù valle fierite: ’na loggia pe’ quacc’affacciata, sott’a …

Read More »

Ora, Castel di Sangro

di Pasquale Scarpitti Una vera e propria ode che Scarpitti dona al suo paese natio. Ora, Castel di Sangro Ora Castel di Sangro è un mucchio di biche Arruffate sull’aia, spari di stantuffi E scompigli di rondini nel cielo che spiuma. Ora Castel di Sangro è un dolcissimo fiume Avvolto …

Read More »

La “margherite”

Poesia di Rodrigo Cieri [1] tratta dal suo libro “Memoria è Anima” Campobasso 2017. La “margherite” Fiurisce tanta bbille margherite a lu ciardine accante de la case; nu fiore che me ncante, assà‟ pulite, che preferische a ll’altre, quase quase. Le fujjutelle ghianche ze ncurone a lu dischette gialle che …

Read More »

Lu Macchie, colle e pineta del mio paese

di Marisa Gallo Lu Macchie Montefalcone nel Sannio, paese molisano, aggrappato alla collina, dedalo di viuzze e scalinate: tante, più o meno grandi e comode, tante altre, più o meno ripide e strette. Pur la chiesa col bel portale, su una scalinata!   Gli scalini, di dure pietre un po’ …

Read More »

Come il bocciolo all’alba

di Duilio Martino di Fraine[1] Come il bocciolo all’alba Come il bocciolo all’alba e trepidante schiudevo tenero al tuo dolce sguardo e, fumigando nella quietudine del cielo blando, gustavo verdi aurore; e come in tenebra sotto la palpebra sta l’occhio, all’ala io incerto sotto fermo tetto ed agognante rifulgente sole. …

Read More »

Ru curaggə

Poesia di Giuseppe Merola [1], tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo [2] Nella poesia si parla di vermi e tali sono anche i bulli, i prepotenti, i pescecani, i disonesti ….. il boomerang arriva anche per loro. Ru curaggə Nu jùornə nu crəštəìenə vədèttə nu vèrvənə …

Read More »

Il fiume del Tempo

di Silvana Poccioni [1] Il fiume del Tempo Sempre in agguato dietro l’ombra di un ricordo mi sorprende la poesia né preavvisa come un monello che corre alla “tana” spiando la mossa imprudente del capolino. Non è mai abbastanza sicuro il mio nascondiglio. Mi tradisce ogni volta l’illusione che il …

Read More »