Home / Cultura Popolare / Poesie (page 5)

Poesie

Lu Macchie, colle e pineta del mio paese

di Marisa Gallo Lu Macchie Montefalcone nel Sannio, paese molisano, aggrappato alla collina, dedalo di viuzze e scalinate: tante, più o meno grandi e comode, tante altre, più o meno ripide e strette. Pur la chiesa col bel portale, su una scalinata!   Gli scalini, di dure pietre un po’ …

Read More »

Come il bocciolo all’alba

di Duilio Martino di Fraine[1] Come il bocciolo all’alba Come il bocciolo all’alba e trepidante schiudevo tenero al tuo dolce sguardo e, fumigando nella quietudine del cielo blando, gustavo verdi aurore; e come in tenebra sotto la palpebra sta l’occhio, all’ala io incerto sotto fermo tetto ed agognante rifulgente sole. …

Read More »

Ru curaggə

Poesia di Giuseppe Merola [1], tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo [2] Nella poesia si parla di vermi e tali sono anche i bulli, i prepotenti, i pescecani, i disonesti ….. il boomerang arriva anche per loro. Ru curaggə Nu jùornə nu crəštəìenə vədèttə nu vèrvənə …

Read More »

Il fiume del Tempo

di Silvana Poccioni [1] Il fiume del Tempo Sempre in agguato dietro l’ombra di un ricordo mi sorprende la poesia né preavvisa come un monello che corre alla “tana” spiando la mossa imprudente del capolino. Non è mai abbastanza sicuro il mio nascondiglio. Mi tradisce ogni volta l’illusione che il …

Read More »

La nèjja – La nebbia

Poesia di Michele Di Ciero [1], tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2] La nèjja La nèjja cupróiva la vallə, scumbarsə cullóin’e mundagnə, də sóttə, də sópra, dəvìellə macciùocchə də gghjènga gammacia. Dapùo chjénə, chjìenə sə sméuuə, sə frìccəca, sə tòrc’e s’abbərróita, sə scòprə nu ticchjə …

Read More »

Angora sciocca – Ancora nevica

 Poesia di Gustavo Tempesta Petresine[1] Angora sciocca E marze sciocca angora, chemmuò è arremascte ‘nganne ‘ne torze ch’è avanzate darre vierne. La vrascia mo z’ammanda che la cena e tu core jelate n’arretuorne. . Ancora nevica E  marzo fiocca ancora, perché è rimasto in gola un torzolo avanzato dall’inverno. La …

Read More »

Il Gran Sasso e Monet

di Giuseppe Lalli * L’AQUILA – L’accostamento di Claude Monet con il Gran Sasso, che qualche commentatore ha mostrato di apprezzare, merita un piccolo approfondimento. Esso è stato dovuto al…caso. Avevo appena scritto le parole della piccola poesia, che di seguito riporto, così come mi erano sgorgate dall’anima commossa. Ho …

Read More »

La vəcchiaja

Poesia di Antonia Anna Pinna   La vəcchiaja Madonna mə, n’da mə sendə brutta,           Dəceva la vecchia; a məndə sə. Uoggə nən mə sendə Chiù lə cossə, j lə manə mə cənə tuttə schiortə. N’ùocchiə mə parə ca mə balla j lə corə cə fattə pəccerillə. Mə stienghə sembrə dendrə …

Read More »

Un sogno ad occhi aperti

Scritto di Gustavo Tempesta Petresine L’incongruenza del sogno prescinde da tempo e spazio. Così, mi trovai in una dimensione indefinibile sognando S. Paolo, l’apostolo che ebbe la visione degli inferi. Mi trovai in un’aura immateriale, ovvero, nel sogno ero incoscientemente presente. Dopo avere visto, con grade pena, il girone dell’anti-inferno …

Read More »

La Salgiccia

di Tiberio La Rocca [1] La Salgiccia Gna la vide bella appesa,/ che ze secca chiène, chiène/ te la guorde che na voglia,/ è gna n’uosse pe le chène!/ La può fa pruopria gna vuò,/ a zeppetta o a na vessora/ fatt’arruste a na ceniscia,/ tant’è bbona a ogne ora!/ …

Read More »

Pace e Sonno

di Modesto Della Porta[1] Pace e Sonne L’àvetra notte ‘Ntonie di Fanelle s’arisbijà sentenne nu remùre. Smuvì la cocce, e tra lu chiare e scure, vidì nu latre ‘nche nu scarapelle, che jave sbuscichènne le vedelle dentr’a li stipe e pe’ le tiratùre. “Nu latre? Chi sarà ‘stu puverelle!.”, pinzà. …

Read More »

Uno sguardo in versi sull’Altosannio: Pescocostanzo

Tanka [1] di Marisa Gallo Pescocostanzo Pescocostanzo un delizioso borgo dell’Aquilano. Strade e balconi in fiore e fresca gioventù… Il vecchio borgo, dopo un sisma terribile nel tempo antico, da maestri lombardi ricostruito ad arte. Che ben fu appresa… Chiese, case, palazzi, con  segni storici culturali e visibili: legno, ferro, …

Read More »

La prima lacrema d’ammore

Poesia di Bruno Marinelli La prima lacrema d’ammore All’mpruvvise se ‘ncontrane du sguarde e dope s’arretornan a ‘ncuntrà, ‘na museca i’ sente dentr’allanema e sembre ca pur’essa stà ‘scutà. ‘Nu sciate de parole doce doce che du’ vocche vecine fanne ‘scì, ‘na mane che se stregne che ‘na mane, ‘na …

Read More »