Home / Cultura / Cultura Popolare / Poesie (page 40)

Poesie

Ascì

Poesia di Gustavo Tempesta Petresine [1] Ascì A ‘nə curnìcchiə də trəscenàrə zə va ‘ddurmì ‘na sclocca quanda da forə è viernə e ‘ndèrrə sciòcca . Così A un angolo di focolare una scintilla si addormenta quando fuori è inverno e a terra nevica.     Questa poesia è tratta …

Read More »

Le Farchie

a cura di Enzo C. Delli Quadri con poesia di Duilio Martino La festa delle farchie è conosciuta come una manifestazione folkloristica di Fara Filiorum Petri piccolo paese in provincia di Chieti, ma essa, con caratteristiche diverse, rappresenta la tradizione di tanti altri paesi del territorio di Amosava “AltoMolise-AltoSangro-AltoVastese”. Di sicuro …

Read More »

Natale d’Abruzzo – Poesia

di Duilio Martino [1] Natale d’Abruzzo Storditi dal fragore e luci i sensi lustrate le vetrine affascinanti dei centri storici addobbati e densi di sogni denudati degli incanti. Tra le magnifiche alchimie esposte e gli innumerevoli lustrati inganni natività non scorgo più composte. Solo un grosso babbo canuto che fradicio …

Read More »

Immagini e parole – 12. Lettere di Natale

Versi di Rita Cerimele[1], Pittura di Pasquale Verdone[2] L’aria è pregnante del tipico clima natalizio, che ogni anno fa il suo ingresso nei nostri cuori. Tutti, cristiani e non, si affaccendano nei preparativi per accogliere al meglio la nuova Luce che nasce. 37 avvolte nel blu danzano le lettere loro …

Read More »

Immagini e parole – Il Fuoco

Versi di Rita Cerimele[1], Foto di Vittorio Labanca[2] Il fuoco fa parte dei quattro elementi fondamentali di cui è composta la natura; brucia il legno e lo trasforma in luce e calore. Le fiamme sono rivolte verso l’alto, purificatrici e ispiratrici per una nuova vitalità spirituale che ci avvolge e …

Read More »

Mə sci sctətùatə ovvero Ossessione d’amore

Scritta da  Cuviell’,  pseudonimo di anonimo altosannita Mə sci sctətùatə (ovvero Ossessione d’amore) T’arsognə, quandə vaivə, ‘ngióima all’acqua də la fondə. Chiudə l’uocchiə e affonnə le mìanə Mi hai spento (ovvero Ossessione d’amore)  Ti sogno, quando  bevo, riflessa sull’acqua della fonte. Chiudo gli occhi e affondo le mani

Read More »

La bbanda d’Agnéun’

Poesia di Giuseppe Delli Quadri [1] tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2]   La bbanda d’Agnéun’  Arru pajés’ mójja andicamènd’ štava na bbànda bbén’ ammaj’štrèata; sunèava prassìe vùon’ veramènd’ e a tutt’ l’ mègli’ fèšt’ éva chjamèata. La v’rtà durètt’ picca: nghélla bbanda chir’ bbrav’e valènd’ …

Read More »

Sangue antico

Silvana Poccioni [1] Sangue antico Oggi partire è sfida assetata d’avventura a colmare la noia dell’occhio che presto succede all’entusiasmo dell’arrivo. Segue la certezza del ritorno velata appena di tristezza che la speranza del prossimo viaggio schiaccia e annulla nella smania curiosa di un’altra ripartenza. Non così per chi conobbe anzitempo …

Read More »

XIX Canto dell’Altosannio

di Gustavo Tempesta Petresine[1] XIX Canto dell’Altosannio Il tempo non si muove più da giunchi, l’acqua ristagna con la sua Mefite. Un eco antico mi sconquassa il petto, ridonda, e poi mi gracida nel cuore.   fa parte del suo libro  “Ne cande”[2] ____________________________________________________ [1] Gustavo Tempesta Petresine, Nativo di …

Read More »

Lo zaino

Poesia [1] di Florindo Di Iorio [2] Lo Zaino Ho preparato uno zaino  per un lungo viaggio dentro due cose , tanto non servono . Ho attraversato boschi incrociato sentieri cambiato rotta spesso sbagliata. Nel cammino tra aurore e tramonti ho visto  vite e volti bruciati dal tempo caduto tra ciottoli sparsi con piedi …

Read More »

“Lo mesengone”

di Gustavo Tempesta Petresine [1] (Dante: inferno. Canto apocrifo)                        – Omo che tu te’n vai per terre lasche E che t’aggiri per lo Molise lesto Non sei ancor pago de lo tuo agire losco? Della limosina chiesta a lo segnore …

Read More »

Seréna

di Marco Notarnuzzi[1] (Poesia segnalata da Antonia Anna Pinna)   Seréna Ju viende straccia l’aria e a cchiane a cchiane la neve ci allustrisce e ce fa jéle. Nu cane corre sfrustune rende a nu candone e ‘n giéle tutte le stelle viéne ‘m brecessone. Fa fridde. Ce jèlane ji …

Read More »