Home / Cultura / Cultura Popolare / Poesie (page 20)

Poesie

‘Na cambanélla

Poesia di Gustavo Tempesta Petresine[1] ‘Na cambanélla Quanda ‘na cambanélla sona a ‘mmuòrt’ t’ mett’ ‘ngap’ ‘n’ cuambesànd’ zitt’. Fra ‘n’ renduòcch’ e ‘n’ualdr’ sctà ‘na péna, e ‘n’ sellùzz’ ‘n’gann’ aspètta  a sagli’. Una campanella Quando una campana suona a morto ti fa pensare a un quieto cimitero. Fra un rintocco e l’altro c’è una pena, e …

Read More »

ACCA E DELORE – ACQUA E DOLORE

Tiberio La Rocca  [1] Con questa poesia e l’altra NE IURNE, il nostro Tiberio La Rocca ha vinto il primo premio al “Concorso Letterario Giovanni Gronchi” del 2016 [2], organizzato dall’Associazione Culturale Identità di Pontedera (PI). ACCA E DELORE Allucca le mare, addò chelle perzone so trevata la fine e so …

Read More »

La Romantica Malinconia di Antonia – Cielo

Ogni riferimento alla desertificazione delle aree interne è puramente voluto (Enzo C. Delli Quadri). Antonia Anna Pinna[1] Cielo Apriti cielo, fammi vedere Se esisti per davvero. Fammi vedere le tue vie i tuoi abitanti. Il tuo mobilio, una finestra accesa un bimbo che gioca. Ci sarà una porta per entrare, …

Read More »

Mpassulóite – Immobile

Poesia di Michele di Ciero [1] I giovani, che avranno la fortuna di leggere questa poesia, potranno cogliere e raccogliere gli antichi valori di una famiglia e il senso buono del sacrificio, di ciascuno. ‘Mpassuloite Sfraddutt’ arsecchenoit ‘e l’occhie lustre stava rhu viecchie stritt’alle cuperte a cape, a piede, a …

Read More »

Scìà bənnétta – Sii benedetta

Poesia di Gustavo Tempesta Petresine [1] Scìà bənnétta Sci bənnittə rə fratiéllə solə ca addəcréa e scalla la matina. Scià bənnétta la sora luna quanda t’alluma na rufarèlla scura. Pə tuttə chillə cosə ca nə zə siènə e all’annascusə tə diènə risə e chièndə. Pə tutta l’acca ca mə chiovə …

Read More »

Il Chicco di Grano

di Guido Giovanni Mancini [1] Spesso alle buone intenzioni vi è diffidenza e non sempre vi è riconoscenza. C’è il detto: -“Non far male ch’è peccato, non far bene ch’è sprecato”. Il Chicco di Grano In autunno, nel campo grigio seminato, s’udì il lamento d’un chicco sotterrato; piagnucolando si disperava …

Read More »

Chìa fu ru próimə – Chi fu il primo

Poesia di Giuseppe Delli Quadri [1], tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2]  Chìa fu ru próimə Quàndə Crəštòfərə Culómbə jèttə all’Amèrəca, nu jurnə, pə sapajj’ chə succədéva lóchə attórnə, sə facèttə na passəìeta. Jèttə pə v’dajjə, štàvanə ddu carvunìerə cutəjènnə chə nu vəlangiàunə a pəsà …

Read More »

Paese Mio (Poggio Sannita)

di Guido Giovanni Mancini [1] Il bel detto: – “Aria di Caccavone aria gentile” chissà per quanti anni si potrà ancor sentire? Ma i giovani che fanno per non farlo morire? Paese Mio Oh! Bel Poggio, di cui vanto il natale, ti ergi, avvenente, sopra a un crinale, difeso dai …

Read More »

La Madonne de Cannite

Poesia di Rodrigo Cieri[1]       La Madonne de Cannite    Assettate a la Chiese de Cannite guardave la Madonne surredente, rilassate teneve core e mmente ca Esse tante me s’avé rapite. «Eh! Finalmente! Mo’ te fié’ ‘rvedé’! Le sacce ca me pinze e tì’ le ‘mpegne. Quanta cose ssa …

Read More »

‘Ne frusce d’ale – Un fruscìo d’ali

Poesia di Gustavo Tempesta Petresine Il faggio (Fagus sylvatica, in dialetto fajone) è un grande albero, alto fino 40 metri, che forma boschi stupendi. Le faggete colonizzano la maggior parte delle colline più elevate del nostro paese. Così, quando compaiono i faggi, si sente l’aria diventare più fresca e frizzante,  e …

Read More »

Mazzalingh’

Canzone con versi musica e voce di Gustavo Tempesta Petresine[1] Mazzalingh’ Quanda la sera appènn ‘n ciel’ la luna chiéna e re trescenièr’ amménen’ le fum’ nella notte nera: ce sctà chi se scalla attorn’ arr fuoch’ e chi allava re piètt’ e chi appena magnièt’ z’è fecchièt’ già déndr’ …

Read More »

La Morte

di Sergio Emanuele Labanca [1] La Morte [2] Tieu ‘nde può arcurdeà quann’è ca fu ca je e te c’engundrèmme la prima volda. Me je scì, can ne l’haie scurdeàte cchiù: ammurròive chigna la parèula se fòsse tolda! Fu quanne vedòive nu galantéume stòise daventre na cascia: allungheàte nze muvàiva, …

Read More »