Home / Cultura / Cultura Popolare / Poesie (page 18)

Poesie

Paese mie – Poesia di Bruno Marinelli

di Bruno Marinelli [1] Paese mie Com’è nire ru ciele stamattina ru sole sembra ca nen vo spuntà stracca na femmena passa che la tina nu vecchie alla fenestra sta a fumà. Dente all’aria ‘n’addore de pulenta, e come se m’aprisse ogne purtone: ‘Na femmena che gira lenta lenta; n’omme …

Read More »

La bustina di Marisa: Ricordo di nonna

di Marisa Gallo [1] Ricordo di nonna Non su un comodo divano, ma presso alla porta, seduti accanto, stanno la nonna e il nipotino. Assaporano il buon pane della vita; la nonna lo spezza, il bimbo mangia: l’una calante, l’altro crescente. Il tramonto e l’alba congiunti. Vago il pensiero torna …

Read More »

‘Na Sera d’ Primavera

di Bruno Marinelli [1] ‘Na Sera d’ Primavera ‘Nu  poche de viente gendile carezza la jerva e le fronne, trascine   ‘n’addore de viole e joca   a’vezarte la onne. La riegge  ‘nu po’ che le mane avvampe pecchè  t’abbrevuogne, può ride e a me t’avvecine e tutte s’allumena attuorne. Sta vocca …

Read More »

Primavera

di Angiolino Iavicoli [1] Un sole diverso stamane inonda
 la terra. Sorride il giardino. Il sentiero ha le prode fiorite. Il vento che sembra un amico, 
fresco mi sfiora le guance.
E’ un vento che parla. Sussurra parole d’amore,
di speme e di nuova stagione. Fa muovere le primule gialle, le umili …

Read More »

La camisce de la ruffḯane

di Modesto Della Porta[1] con la traduzione di di Marisa Gallo[2] La camisce de la ruffḯane (Sei misce prime de lu matrimonie) – Guè, Giuvannì’, mo t’arifì nu ggire? ‘sta piazze le sci mezze cunzumate e pure i’ te legge lu pinzire … Le vu sapè’? Tu te sc’innamurate de …

Read More »

Uno sguardo in versi sull’Altosannio: Quadri

di Marisa Gallo[1] Quadri Quadri nel Sannio, territorio in val Sangro, piccolo borgo. Dal mare ai monti con strada fondovalle o ferrovia. Reperto antico, della Romana Trèbula, l’anfiteatro. Son Medievali castello e monastero, benedettino. Feudo, poi Signoria di nobili famiglie : Caldora e Ambrosio. Linea Gustav: sofferto il tempo bellico; …

Read More »

Quanda scuaglia

di Gustavo Tempesta Petresine [1] tratta dal  volume di poesie  “Ne Cande” [2] Quanda scuaglia Tràscəma ‘n’acca fredda da ‘ssə sciùmə quanda rə vièrnə scuàglia a primavera. Le jervətèllə àlzenə le cimə Jènnə ‘nverdènnə l’aria fresca e chiéra. Mò zə prepara a crescə la gessiémbra, uàscə zə n’abbreògna a mettə foglia. E …

Read More »

Uno sguardo in versi sull’Altosannio: Vastogirardi

Haiku di Marisa Gallo [1]: pochi versi ispirati dalle risorse ambientali, patrimoniali e umane dell’Altosannio, per esprimere un momento di bellezza o una esperienza emozionante. Vastogirardi Bel panorama, borgo e castello antico, di strana forma. Culla del Trigno, fra Abruzzo e Molise, amato fiume. Dal bel loggiato due templi a Diana ed …

Read More »

Avi

di Antonia Anna Pinna[1] Avi Fantasmi polverosi con le facce pietrificate si accostano ai muri per trovare riparo dall’imbarazzo della miseria. Sembrano più vicini alla morte, ma non è così. Questa è la forza motrice che ci ha piantato i semi giusti e portato fino qui. Peccato che chi è …

Read More »

Majella Madre

Poesia di Duilio Martino[1] Majella Madre e Molise  Col candido vello già all’alba tra gli ori distinguo la vetta superba imperiosa bel grembo materno di flora e pastori …la pleiade bella supina riposa i rivoli sangue del figlio titano quell’Ermes morente già in Frigia colpito bisbiglia la notte un lamento che …

Read More »

Comm’eva doce l’aria chella sera

Poesia di Bruno Marinelli [1] Comm’eva doce l’aria chella sera Comm’eva doce l’aria chella sera, la terra s’eva, già, vestuta a festa che re culure d’ la primmavera, …senza uardarme me deciste “ ’bbasta ”. Vuleva di’: “ pecchè ” ma nun serviva, parlava già, pe’ te, ru sguarde vasce. …

Read More »

Donne e nonne

Poesia di Duilio Martino[1] Donne e nonne Le ghirlande ed i decori sul buffet ben preparato bella musica coi fiori un diploma al fin strappato che figura se la nonna poi eccede in esultare le istruzioni sulla gonna nero e blu son da scartare. Ma lei cede all’emozione scorron lacrime …

Read More »

Il mio nome

di Antonia Anna Pinna  [1] Il mio nome La mia terra porta il mio nome E’ impresso sulla roccia E il sole lo illumina al tramonto Quando l’ombra va a baciarlo Mia casa primitiva Mio unico bene Niente potrà sostituirti Ti porterò con me Come una coperta calda E dormirò i …

Read More »