Home / Cultura (page 2)

Cultura

Tratturello di San Domenico a Carovilli

a cura di Enzo C. Delli Quadri Chiesetta di San Domenico L’antico tratturello di San Domenico fungeva utilmente da bretella e binario di scambio tra i due grandi bracci tratturali “Castel di Sangro-Lucera” e “Celano-Foggia”. Questo scambio di linea permetteva alle greggi di sostare temporaneamente presso il laghetto e sui prati intorno alla chiesa …

Read More »

Le allucinazioni di E.F.

Storie professionali, dal nostro territorio, di Carlo Fiocca Una sera mi raggiunse in ambulatorio un caro amico E.F. Era agitatissimo perché mi disse che aveva visto come ballare  Piazza Plebiscito di Castello e la bella fontana al centro di essa, che  gli cadeva addosso. Lo visitai con estrema attenzione, specie da un punto …

Read More »

Essenze

Poesia di Antonia Anna Pinnain dialetto di Villalago Essenze Vanella, zucchere j cannellade quiste si fatte tu, core meje.L’essenze te me remasta appeccecataalle recorde chiù dolceLe so misse alle cascitte meje chiù bielle,le apre sole quande tienghe besognede na vuccata de delizia fragrande. Essenze Vaniglia,zucchero e cannelladi questo sei fatto tu …

Read More »

Una gallina per sposarsi a Capracotta

di Domenico Di Nucci In un documento del 9 settembre del 1737, è riportata la richiesta del Delegato della Regal Giurisditione al Preside e alla Regia Udienza di Lucera in riferimento al pagamento del diritto di matrimonio a Capracotta. Non c’è nel Libro delle Memorie il documento che certamente l’Università di …

Read More »

Quelli che la medicina era fantasia …..

di Carlo Fiocca Storie incredibili di campagna e di corsia Giovanni Segantini, il pittore della campagna in montagna Supposte … per gola Avevo prescritto delle supposte ad un paziente affetto da angina catarrale  ( mal di gola ). Dopo tre o quattro giorni lo incontrai e gli chiesi  come stava, se le supposte …

Read More »

Le vendelille – Il vento forte

di Antonia Anna Pinnain dialetto di Villalago La Rocca di Villalago (AQ) Le vendelille Le vendelille parte da sotte alla Rocche.Le siende arrevà che ne fischie i cumenza a scappà.Ciabberrita ‘nduorne alle case e,nen le lassa finghè nen cià fatte pijà le bandegliole.S’arravuoja ‘n’miezze alla via, bussa a tutt’ le porte, …

Read More »

Sogno di una Notte d’Inverno

di Giuseppe Lalli C’era un bambino di sette anni di nome Mario che viveva in un piccolo villaggio di montagna, una montagna che rassomigliava molto al Gran Sasso. Del resto le montagne, in fondo, si rassomigliano tutte, come i visi dei bimbi appena nati e quelli delle persone molto vecchie. Viveva con la madre …

Read More »

Càppa aperta la prəmavòira arróiva, Mantella aperta la primavera arriva

Poesia di Antonio Gerardo Marinelli La foto d’archivio di Tina Marchesciano Càppa aperta, la prəmavòira arróiva L’ombra càlla màttutoína s’allonga assópra alla vianeua. N’asənə arròitə a l’òldrə s’annasconnə. Díue, chə la càppa aperta, gne suldieàtə camínanə mendrə le vricce chəloccianə sottə a re scarpiunə che la séulə chiaina də cəndrellə. Arròitə, n’oldrə ròidə cundiéndə cà la prəmavòira arróiva. Rə …

Read More »

L’ estrazione dentaria

Storia professionale di Carlo Fiocca Gerrit-Van-Hontorst-1622-particolare.-Dresda- Una mattina si presentò in ambulatorio un giovane di circa venti anni, che mi chiedeva di estrargli un molare della branca mandibolare destra. Pensai subito che quella era una occasione unica per provare  il blocco del nervo mandibolare relativo.  Mi ripassai mentalmente la tecnica ed …

Read More »

La Transumanza di Alina

di Luciano Pellegrini Incredibile come le pecore riescano ad orientarsi e capire l’ora. Certamente è il sole o la luce. Alina, senza informarsi sul meteo, ha anche lei questa competenza, mi ha avvisato che il giorno 26 dicembre doveva trasferire le pecore al ricovero invernale. Il freddo della notte stava …

Read More »

Bosche

Poesia di Antonia Anna Pinna in dialetto di Villalago Bosche N’cammenarce alle boscheAnnasconnece sotte alle foglieCh’elle core apiertej l’ uocchie m’maneLe ghenocchia ca ce toccanej la mende lundanaperduota che i tarle sejeLa louce ca endra tra le fraschesoule pe’fa cucùla vejeta ce parla… chianesenza fermaje le piacere peccerille. Bosco Inoltrarsi nel boscoNascondersi …

Read More »