Racconti

Un mondo incantato

Scritto di Mario Vaccarella Uomo con la pipa – pittura di Mauro Penzo  “Mo’ vene Natale nun tengo denare me fumo na pippa e me vaco a cuccà”. Quante volte da bambino ho sentito questa nenia da mio nonno e io puntualmente la ripetevo a cantilena, senza comprenderne il significato. A …

Read More »

Ru z’ngarielle viola

Racconto di Maria Antonietta Gentile “Jamme jamme, allegra, ca masséra ze sfruscia da zi Artur e èma ji p’ajetùa a pulì le pannocchie!” (Stai allegra che stasera andiamo da zio Arturo per aiutarlo nella spannocchiatura) Così disse con tono gioioso mia cugina Miria in quel lontano giorno di settembre dei …

Read More »

Agnone e i suoi fantasmi

di Maria Merola Agnone, non smette mai  di stupirci. Oltre al famoso Palazzo Nuonno, di cui alcuni anni fa circolava anche una foto su Facebook attestante la presenza di una persona dietro la finestra, peccato che la finestra sia murata… Comunque Agnone a quanto pare avrebbe altri fantasmi. I diversamente …

Read More »

Abballə a ru scìumə

Fiume Verrino negli anni 60 del novecento Io da bambina sono stata molto fortunata. Ho avuto la possibilità con la mia famiglia di fare delle vacanze al mare, cosa che all’epoca non tutti potevano permettersi . Ho  conosciuto  nella mia infanzia bambini che non avevano mai visto il mare.  L’alternativa …

Read More »

Terra da scoprire: da Vastogirardi giù verso la valle del Trigno

Mario AntenucciTratto dal suo libro  “La Terra da Scoprire” [1] Vastogirardi Fiume Trigno            Mi trovo ad attraversare e scollinare la campagna molisana dell’AltoSannio e della Valle del Trigno, costellati da immensa solitudine, da tanta bellezza e da profondi, mutevoli, diversi silenzi a seconda del luogo che si tocca o in cui ci …

Read More »

La morte ai paesi

Terminati i tempi della emigrazione massiccia, in quanto c’è poco ancora da emigrare. I vecchi rimasti si sono rassegnati a vivere con ostentazione la propria dimensione cercando di eludere il sottile mormorio che la terra del cimitero emette discreto. Non vuole rappresentare una violenza, quel mormorio, ma un richiamo alla …

Read More »

Petunie viola

Antonella Litterio Alle mie sorelle “Eravamo una famiglia felice. Per Tolstoj, dunque, una famiglia non troppo interessante. Ma chi mai desidera essere interessante a costo d’essere infelice?”. In esergo:  “Oh, non si preoccupi, signora sto solo evocando dei ricordi; sa, dopo tanti anni ogni cosa scompare. Ecco, veda, nel punto dove …

Read More »

Le buatte: che fatica ma anche gran divertimento!

Ricordi di Simona Ciaramella Quando arrivava agosto, tra vicini, parenti, e <sangiuanne> si era impegnati quasi tutti i giorni, al punto che, per evitare accavallamenti di date, le si concordavano prima. Sto parlando dell’appuntamento con il rito annuale delle buatte. Di quel periodo ricordo voci e rumori familiari fuoriuscire da …

Read More »

La səringa (con traduzione)

Antonio Gerardo Marinelli La səringa Dəpəròitə, assòpra a ru liéttə jettatə stíeànghə. N’gànna mə deulə, mə pongəca gna cə stíssərə na pícca səmíggə e nə pozzə gliottərə.  So le diecə passeatə ,ècchə , e issə, arróiva, ru miédəchə cundòttə chə emə chiameatə pə me, chəmmùa la fròivə tienghə, məàlə all’òssa …

Read More »

Le bottiglie di pomodori

Esther Delli Quadri Ai nostri giorni pochissime famiglie usano ancora preparare in casa il passato di pomodoro.. Io anni fa mi sono dedicata a  questa attivitá ed ho continuato per un po di anni . Il motivo furono delle intolleranze alimentari che la mia, allora , bambina aveva sviluppato con …

Read More »

Il Platano Camillo

Mario Vaccarella Lo ritroviamo lungo le strade di paese. Il Platano, essendo di notevoli dimensioni, è un ottimo albero da ombra, inoltre possiede un portamento elegante, mastodontico, ma al tempo stesso slanciato. Il platano di Camillo è il” mio” albero per eccellenza, ombreggia davanti al “caffè” di Camillo dalla notte …

Read More »

Oro rosso – Capitolo 20

Questo è il ventesimo Capitolo e ultimo della Novella Oro Rosso di Esther Delli Quadri con la quale l’autrice si prefigge di parlarci, com direbbe Ujemuort’,  di: Uomini con mani callose e cuori generosi. Di lavoro duro e sentimenti veri, di vite aspre di gente schiva, di parole parca. Di un tempo …

Read More »