Home / Cultura / Cultura Popolare / Modi di Dire

Modi di Dire

La crape – La capra

Aneddoto[1]  di Benedetto di Sciullo[2] e Giovanni Mariano[3]   N’ome, chi tineve tre vagliune cirille, p’arisparagniè ddù solde, z’arisulvette d’accattàreze ‘na crape accuscì la puteve almene mogne e dà lu latte a li citre. . Un uomo, padre di tre bambini piccoli, per risparmiare un po’ di soldi, decise di …

Read More »

Una foto, un ricordo, un detto.

di Leonardo Tilli Foto di Antonino Orlando, pubblicata in Roccaspinalveti: “Vita sociale e politica anni ’70.” Nelle foto vedo tanta gioventù, tanto entusiasmo, tanti giovani volti, tutti attenti, che “vivevano” gli eventi presenti, e che già erano proiettati negli avvenimenti successivi e in un “futuro di cambiamento”, in cui tutto …

Read More »

Cince e Zappe – Cenci e Zappa

di Benedetto di Sciullo [1] e Giovanni Mariano [2] . Non conoscevo questo aneddoto dell’alto vastese, ma a me è capitato, diverse volte, di pensarlo, ovviamente con altre parole. Non ho reagito come il contadino e non so perchè: per vigliaccheria?  conformismo? responsabilità verso la famiglia?  per non fare brutta …

Read More »

Ru z’ngarielle viola

Racconto di Maria Antonietta Gentile “Jamme jamme, allegra, ca masséra ze sfruscia da zi Artur e èma ji p’ajetùa a pulì le pannocchie!” (Stai allegra che stasera andiamo da zio Arturo per aiutarlo nella spannocchiatura) Così disse con tono gioioso mia cugina Miria in quel lontano giorno di settembre dei …

Read More »

Turlundane, turlundane lu rutte porte … lu sane.

di Enzo Carmine Delli Quadri Proverbio utilizzato con diverse cadenze dialettali in tutto l’Altosannio. Già riportato sul sito nel 2011, ma sempre attuale. Il proverbio (Durlindana, Durlindana, il malmesso aiuta il sano) è utilizzato per indicare una situazione in cui una persona in condizioni fisiche non ottimali aiuta qualcuno più in …

Read More »

Un oste poco previdente: Quaranta di Agnone e Cinquecento di Capracotta

di Domenico Di Nucci Belli o brutti, sfiziosi o irripetibili, insignificanti o balordi, ancora oggi i soprannomi sono il mezzo più sicuro per identificare una persona. L’origine dei soprannomi coincide  con l’inizio della vita in comune: essi hanno accompagnato l’uomo da sempre. Basta dare una superficiale occhiata a qualsiasi testo di …

Read More »

Paga ca sì d’Agnone

A differenza di quasi tutti i modi di dire, che derivano o dall’osservazione di tutto ciò che ci circonda o sono frutto di storielle di pura fantasia, anche se arguti e saggi, mi piace mettere in risalto questo perché autoctono e storico. Dobbiamo riconoscere che Agnone, finché non sono arrivati …

Read More »

A mezza vocche – A mezza bocca

di Bendetto di Sciullo [1] e Giovanni Mariano [2] Na femmene chi tineve na vagliona cirelle, abbitave vicine a ‘na sore di lu marite. Una donna che aveva una bambina piccola, abitava vicino ad una sorella del marito. La cugnate stave sola esse e, quasi tutte li juorre la ive a truvà …

Read More »