Cascigni, casce e ova

0
1201

a cura di Flora Delli Quadri con ricetta di Ester Cavarozzi [1]
cattura

Quando si avvicina la Pasqua e c’è il risveglio della natura, è tempo di uscire nei campi alla ricerca delle erbe spontanee. Dopo aver respirato aria pura e aver trascorso un pomeriggio diverso dal solito, se non l’abbiamo fatto direttamente lì sul prato, ci aspetta il compito di selezionare la verdura raccolta. Nella maggior parete dei casi si tratta di cicoria e di cascigni, i più noti tra le erbe spontanee. C’è chi preferisce la prima, chi i secondi, ma in entrambi i casi la ricetta d’elezione, che ne esalta il sapore è, senza dubbio, il metodo “casce e ova”, tipico dell’Abruzzo e del Molise: così si fa l’agnello, così si fanno le “pallotte”, così si fanno anche le nostre care erbe spontanee.
Tra le due varianti posso affermare senza ombra di dubbio che preferisco i cascigni perché meno amari e più gradevoli al palato. Eccone la ricetta:

cascigni-casce-e-ovaCascigni casce e ova

Come tutte le ricette della tradizione si “fa a occhio”, per cui le dosi non sono precisissime. Indicativamente, per ogni 100 grammi di verdura già cotta, va un uovo e 2 cucchiai di formaggio.
Prima di tutto va fatto il brodo, di pollo oppure di vitella o anche vegetale, dipende dai gusti. Quindi si lessano i cascigni in acqua salata e, una volta sgocciolati, si gettano nel brodo bollente. Va da sé che se nel brodo c’è la carne, questa va tolta.
In una ciotola si sbattono le uova con il formaggio (parmigiano o pecorino a seconda dei gusti) e quando il brodo con la verdura inizia a bollire, ci si versano, a filo, le uova un po’ per volta e si gira velocemente. Quando si formano delle palline gonfie, il piatto e’ pronto.

 


[1]Ester Cavarozzi, sposata e madre di un bambino, vive ad Agnone. Bravissima in cucina, conosce molto bene la cucina tradizionale da cui attinge ispirazione per le sue ricette. Nel tempo libero si dedica all’arte manuale creativa e al teatro dialettale.

Editing: Flora Delli Quadri
Copyright: Altosannio Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.