Home / Cultura / Cultura Popolare / La casa me’!  (bambino prega per non diventare giovane sperduto)

La casa me’!  (bambino prega per non diventare giovane sperduto)

Poesia di Ciamei Giuseppe [1]

castello_bugnara1
Castello di Bugnara

La casa me’

Sotte a lu castell ce stà la casa me,
quande m’affacce a lu balcone
ved’le muntagne a la Croce.
Ah! Quante eè belle, n’me sembr’vere;
ij me rallegre a r’mrarla,
lu core me se riempie de cuntentezza.
La notte de Natale,cocdune la và pure allumenà.
Chiù balle, a sant’Nicole,se sientene
Le campanelle de le pecure.
Lu venticielle d’primavera porte
L’addore de le manele e gli mile fiorite.
Mai me ne saziasse, anz’, a me che so
Nu quatralieglie nu pensiere me cale:
“Che Die ne me ne facce mai scurdà”.

La casa mia!

Sotto al castello c’è la casa mia,
quando mi affaccio al balcone
vedo le montagne con  la Croce.
Oh! Quanto è bello, non mi sembra vero;
io mi rallegro a rimirarla,
il cuore mi si riempie di gioia.
La notte di Natale qualcuno la illumina pure.
Più giù, a San Nicola, si sentono
Le campanelle delle pecore.
Il venticello della primavera porta
Il profumo dei mandorli e dei meli fioriti.
Non mi sazierei mai, anzi, a me che sono
Un ragazzino un pensiero viene:
“Possa Iddio non farmene dimenticare”.

 

_______________________
[1] Scolaro
della 3^ elementare della Scuola “Vittorio Clemente” Bugnara (AQ)-IC. “Valle del Sagittario”, 1^ classificato al concorso regionale di poesia dialettale ”Romualdo Parente” Scanno, nella sezione A riservata agli alunni delle scuole elementari e medie della regione.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

3 commenti

  1. Leonardo Tilli

    Complimenti vivissimi al giovane poeta e ai suoi insegnanti.

  2. POEATA “IN ERBA “ questo giovane ragazzino che ha chiaro nel cuore già da ora ciò che conta nella vita LE PROPPRIE ORIGINI , che poi non sono niente male, condite di profumi e sotto un castello. A Natale la sua casa è….illuminata, ma lo è sempre se egli ci sta contento e non vuole dimenticarla….
    QUINDI COMPLIMENTI al suo estro e al suo desiderio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.