Home / Cultura / Cultura Popolare / Canzoni e Filastrocche / Cantilena religiosa: Sànda Rósa

Cantilena religiosa: Sànda Rósa

di Michele Di Ciero [1]

Facchini di Santa Rosa, festeggiata a Viterbo il 3 settembre
Facchini di Santa Rosa, festeggiata a Viterbo il 3 settembre

Sànda Rósa

Sànda Rósa sctàva all’òrtə,
addacquàva il suo combòrto.
Ru dəjèvrə la ji ttəndà:
«Rósa, Rósa, t’ó marità
«Ji ggià scténgo maritàta
chə Ggesù Sacraməndàtə.
Tu bbruttə nnəmmichə vattene via,
ca òggə é l’Assunzione di Maria.
Mə faccə ciéndə crócə e dichə ciéndə Vémmàrjə!».
E ru dəjèvrə sə nə va via.

Santa Rosa

Santa Rosa stava all’orto, / innaffiava il suo conforto. / Il diavolo andò a tentarla: / «Rosa, Rosa, vuoi maritarti?» / «Io già sto maritata / con Gesù Sacramentato. / Tu brutto nemico vattene via, / che oggi è l’Assunzione di Maria. / Mi faccio cento croci e dico cento Ave Maria!». / E il diavolo se ne va via.

 

Questo articolo è tratto da libro “Tradizioni popolari di Agnone” di Lucia Amicarelli e “Folklore di Agnone” di Michele Di Ciero, libro curato e valorizzato dallo studioso molisano di tradizioni popolari Domenico Meo[2], il quale, nell’ introduzione, ha voluto accennare alla storia dell’antropologia culturale e fare il punto sui contributi folklorici e di lingua dialettale riguardanti Agnone dalla fine dell’Ottocento ad oggi.

 

________________________________________
[1] Michele Di Ciero, Molisano di Agnone (IS), fu Maestro e Direttore Didattico. Sue le ricerche “sul campo” di usi, credenze, proverbi, filastrocche e canzoni narrative.
[2] Domenico Meo, Abruzzese di Castelguidone (CH), ma agnonese di fatto, lavora alla Asrem di Agnone (IS). Si occupa, in termini scientifici, di dialetto, riti, usi e tradizioni popolari. Tanti i suoi libri, su cui giganteggia il Vocabolario della lingua di Agnone.

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.