Home / Cultura / Cultura Popolare / Canzoni e Filastrocche / Canti popolari  dell’Altosannio: nn. 103 e 104

Canti popolari  dell’Altosannio: nn. 103 e 104

giovincella

Canti raccolti da Oreste Conti nel Libro “Letteratura Popolare Capracottese” edito da Luigi Pierro, Napli 1911[1]. Foto da web a cura di Enzo C. Delli Quadri

 

Canto 103

L’ Amore mie sta dentr’ a stu curtile,
sta pròpria arrénsérrata a munachella;
z’ affaccia la mamma che la figlia,
oh, puténza de Die quanta so bèlle!
Ma, se la mamma pare muózze de giglie,
la figlia pare la diana stélla.
Qand’essa va alla méssa che l’altre bèlle,
me pare la luna e r’ sole ‘n fra le stélle.

Il mio Amore sta dentro a questo cortile,
sta rinchiusa proprio come una monaca;
s’ affacciasse la mamma o la figlia,
Oh, potenza di Dio, come son belle!
Ma, se la mamma pare un mazzo di gigli,
la figlia pare la diana stella.
Quan’ella va alla messa con altre belle,
mi pare la luna e il sole tra le stelle.

 

Canto 104

Pe l’aria quiète è tutte nu spléndore,
pe quand’ è grande ru munne vòlta e gira,
miés’ a sta strada ce sta na guagliona,
e tant’ è bella che me fa murire.
Levàte ha le bellézze fin’ arru sòle;
la luna chieàara nen la vo’ fa scire;
Ciél’ e terra facéteme nu favore:
se nen la pòzze avé, fatela murire.

Per l’aria quieta è tutto uno splendore,
per quanto grande sia il mondo, volta e gira,
in mezzo alla strada c’è una ragazza,
e tanto è bella che mi fa morire.
Ha bellezze che giungon fino al sole,
la luna chiara non la fa uscire.
Cielo e terra fatemi un favore:
se non la posso avere, fatela morire.

 

____________________________
[1] Nota dell’autore: per 4 anni, nel breve periodo delle vacanze estive, mi sono recato tutti i giorni nelle nostre remote campagne, a raccogliere i canti dei nostri montanari, or lamentevoli, or dolci, ma che sempre esprimono il sentimento del mistero della vita, la tristezza impenetrabile dell’ amore.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.