Canti popolari  dell’Altosannio (dal 24 al 30) …. La partenza

0
856

Canti raccolti da Oreste Conti nel Libro “Letteratura Popolare Capracottese” edito da Luigi Pierro, Napoli 1911[1].

gran-sasso

Chi di noi, nel mese che l’anitra selvatica lascia la Majella e la Vallesorda si riveste di tinte gialle e dal Sangro si elevano fumi bianchi, chi di noi non ha inteso, nelle campagne ammantate di pallore, ne’ boschi senza mistero, sui monti deserti, il canto melanconico delle nostre montanare?

E  chi non conosce il sentimento che alberga nell’animo dei montanari costretti a partire con il loro gregge? Quante tenere frasi, quanti dolci sospiri tengono dietro al triste annuncio della partenza! Come se lo sposo che parte volesse fermare il tempo e imprimere in esso l’immagine dell’amata e suggellare il voto solenne con una più solenne riproposta.

24

Partenza dulurosa e vita cara
chissà ddumane a séra addò me trove
 

Partenza dolorosa e vita cara,
Chissà domani sera dove mi trovo.

25

Vuccuccia ‘nzuccarata damme nu vuoàce,
damme nu vuoàce ca ddumane m’ne parte,
pe cumpagnia ru tu’ còre me pòrte;
sapétela cumservà la vostra parte,
i me guvèrne chella che me porte.

Boccuccia inzuccherata dammi un bacio,
Dammi un bacio che domani me ne parto,
per compagnia il tuo cuore porto con me,
Sappila conservare la tua parte
io mi governo quella che mi porto.

26

Oh, quanta è dulurosa la parténza,
ma cchiù è dulurosa la lontananza!

 

Oh, quanto è dolorosa la partenza
ma più dolorosa e la lontananza

27

La mamma dell’amore me porta l’òdie,
i’ pe dispiétte vuoglie amà la figlia.

La mamma dell’amore mi porta l’odio,
io per dispetto voglio amar la figlia.

28

Se me vuo’ bene, Amore, damme la féde,
ch’alle parole nen me c’assecure.

Se mi vuoi bene, Amore, dammi la fede,
che le parole non mi rassicurano

29

Amore, Amore,
parlare te vlarrìa déntr’ a su còre
“Recordate de me na vòlta all’ora”

Amore, Amore,
parlare ti vorrei dentro a questo cuore
“Ricordati di me una volta all’ora”

30

I t’haie amate n’anne e mo’ so’ due,
s’avesse amate Die sarébbe sante.

 

Io t’ho amata un anno e or son due,
Se avessi amato Dio, sarei Santo.

.__________________________________________________________
[1]
Nota dell’autore: per 4 anni, nel breve periodo delle vacanze estive, mi sono recato tutti i giorni nelle nostre remote campagne, a raccogliere i canti dei nostri montanari, or lamentevoli, or dolci, ma che sempre esprimono il sentimento del mistero della vita, la tristezza impenetrabile dell’ amore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.