Home / Cultura / Cultura Popolare / Canzoni e Filastrocche / Canti popolari  dell’Altosannio 65,66,67,68 … la lontananza

Canti popolari  dell’Altosannio 65,66,67,68 … la lontananza

Canti raccolti da Oreste Conti nel Libro “Letteratura Popolare Capracottese” edito da Luigi Pierro, Napli 1911[1].

Continua la poetica della Lontananza……..

Canto 65

Ména ru viente che me fa murì;
me re manna r’Amore, r’aia suffrì,
me re manna r’Amore e r’manna forte,
e chiù me fa suffrì, chiù Amore ie porte.

Tira forte il vento che mi fa soffrire
me lo mando l’Amore, devo soffrirlo,
me lo mando l’Amore e lo manda forte,
e più mi fa soffrire, più Amore gli porto.

Canto 66

E nu luntane stéme, oh! Che dulore,
tu chièghne, i suspire e séme eguale,
Tu iérde e i pure arde de r’ tu’ ardore.
De venirmi a truvà ora non puoi,
e de venire i, tu ben lo sai:
famme menì na lettera se puoi,
famme sapé del tutto còme stai.

E noi lontano stiamo, oh! Che dolore,
tu piangi, io sospiro e siamo uguali,
Tu ardi e io pure io ardo del tuo ardore:
Di venirmi a trovare, ora non puoi,
e di venire io, tu ben sai:
mandami una lettera se puoi,
fammi sapere del tutto come stai.

Canto 67

Auóie, guagliona méia, mentre scrivèva,
l’alma da r’ piette mié se destaccava:
iéttava na pennata, e può chiagnéva,
la carta da le lácrime bagnava;
oh! Che suspire, che gran péna aveva:
pénzanne addonda stieà, i’ lacrémava

 

Oggi, Bambina mia, mentre scrivevo,
l’anima dal petto si staccava:
buttavo un rigo, e poi piangevo,
la carta con le lacrime bagnavo;
Oh! Che sospiri, che gran pena avevo:
pensondo a dove se, io lacrimavo.

Canto 68

Tutte re cuólle vuógli’ ‘acchianà,
pe i ‘ttruvà l’Amóre addova sta;
e re vuógli ‘acchianà a une a une,
pe i ‘ttruvà  l’Amóre e n’ chiù nesciúne.

 

Tutti i colli voglio spianare,
per andare a trovare l’Amore, dove sta,
e li voglio spianare, uno ad uno,
per andare a trovare l’Amore e più nessuno

 

___________________________________
[1] Nota dell’autore: per 4 anni, nel breve periodo delle vacanze estive, mi sono recato tutti i giorni nelle nostre remote campagne, a raccogliere i canti dei nostri montanari, or lamentevoli, or dolci, ma che sempre esprimono il sentimento del mistero della vita, la tristezza impenetrabile dell’ amore.
Inoltre l’autore ci ricorda quel che dicevano:
Giosuè Carducci: Voi potreste, o giovani, andar cogliendo in su la bocca del popolo, da provincia a provincia, la parola, il motto, la imagine, il fantasma che è testimonianza alla storia di tanti secoli; …… voi potreste così ricomporre la demopsicologia dell’Italia e dai monti alle valli, cooperante la natura, ritessere per tutto il bel paese la poesia eterna, e non più cantata, del popolo.
Giuseppe Giusti: So che amo il popolo vero e che mi tengo ad onore di battezzare nell’inchiostro i modi che gli nascono vivacissimi sulle labbra, e che molti non ardiscono di raccogliere, come se scottassero.

editing: Enzo C. Delli Quadri

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.