Home / Cultura / Cultura Popolare / Canzoni e Filastrocche / Canti popolari  dell’Altosannio: Il Ritorno ( canti 69 e 70 )

Canti popolari  dell’Altosannio: Il Ritorno ( canti 69 e 70 )

Canti popolari raccolti da Oreste Conti [1] nel Libro “Letteratura Popolare Capracottese” edito da Luigi Pierro, Napli 1911. Le foto sono state selezionate ed aggiunte da Enzo C. Delli Quadri.

D’estate, quando i nostri monti, ergentisi verso l’infinito del cielo, sono rivestiti di verde, i pastori tornano ai patrii lari, e, nel loro tenero trasporto di gioia, con il viso illuminato, cantano, al lume della luna, l’inno dell’amore, che sfiora ogni casa addormentata, siccome l’ala di un notturno uccello (Oreste Conti)

Canto 69

Povera Puglia, desulata rèsta,
mó che ze ne vieàne r’ abruzzese nuóstre.

Canto 69
Povera Puglia, desolata resta, or che se ne vanno gli abruzzesi nostri.

.

 Canto 70

Amante Bèlla, e chi t’ posseduta
Pe chieste quattro misce che c’ haie mancate;
ie n’ haie magneate, nè vevùte,
sèmp’ alle tuie bellézze haie pensate.
Aveva menì prima, n’ zó putute,
Só state alle caténe ‘ncaténate.
Eccheme bèlla mia, ca so’ menùte,
E re suspire tìe m’ iéane chiamate.

Canto 70
Amante bella, e chi ti ha posseduta 
in questi quattro mesi che sono mancato;
 io non ho mangiato, né bevuto,
 sempre alla tua bellezza ho pensato.
 Dovevo venir prima, non ho potuto.
 Sono stato alle catene incatenato.
 Eccomi, bella mia, son venuto ,
il tuo sospiro mi ha chiamato.

______________________________________
[1] Nota dell’autoreper 4 anni, nel breve periodo delle vacanze estive, mi sono recato tutti i giorni nelle nostre remote campagne, a raccogliere i canti dei nostri montanari, or lamentevoli, or dolci, ma che sempre esprimono il sentimento del mistero della vita, la tristezza impenetrabile dell’ amore.

editing di Enzo C. Delli Quadri

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.