Home / Cultura / Cultura Popolare / Aneddoto: Cacalecene, Trubbelle e Palomme

Aneddoto: Cacalecene, Trubbelle e Palomme

 di Benedetto di Sciullo [1] e Giovanni Mariano [2]

– Na femmene tineve tre belle crape chi i faceve tanta latte. Zonne chiamave Cacalecene, Trubbelle e Palomme.
– Una donna possedeva tre belle capre che producevano molto latte. Si chiamavano Cacalècene, Trubbèlle e Palomme.

– Li tineve bbuone: chiù di na volte ionne era ditte si zi li vuleve venne e ionne vuleva dà tanta solde p’accattàrizele, ma la femmene i z’era affizziunate e nin l’aveve mai vulute venne. 
– Le teneva bene: più di una volta le avevano chiesto di venderle e volevano darle molti soldi per comprarle, ma la donna s’era affezionata e non aveva mai voluto darle via.

– Nu iuorre la femmene z’ammalette e siccome nin tineve nisciune, circhette a na cummare si i cuvirnave li crape. La cummare, chi era na falbaquine, subbite i dicette ca scine e la matine appriesse li purtette a pasce.     La sera si ripresentò alla comare tutta agitata: La sere z’ariprisintette a la cummare tutta ncustidijete:    
– Un giorno la donna s’ammalò e siccome non aveva nessuno, chiese ad una comare se poteva prendersi cura delle capre. La comare, che era una persona manierosa ed apparentemente gentile, ma poco raccomandabile, subito acconsentì e il mattino dopo le portò al pascolo.

– Cummà, è succiesse nu uaie e i nin sacce come ti l’eia dice. –
– Comare, è successo un guaio e io non so come dirtelo. –

– Chi t’è succiesse? – Addummannette la cummare.
– Cosa ti è successo? – Domandò la comare. –

– A me niente, ma mentre passave la lamature, Cacalecene, la crape, z’è affunnate, i nin sò rrisciute a cacciaricele e lu flume zi l’ha purtate.-
– A me nulla, ma mentre attraversavo l’acquitrino, Cacalècene, la capra, è affondata, io non sono riuscita a tirarla fuori ed il fiume se l’è portata via. –

– Cacalecene! Iu povere a mme! –    
– Cacalècene! Oh povera me! –

– Dicette la femmene e cuminzette a plagne e a sciupparize li capille. La cummare la cunzulette e lu iuorre appriesse arijette pure a vidè gnà stave: tineve nu bielle vistite chi la femmene nin gnera mai viste.
– Disse la donna e cominciò a piangere ed a strapparsi i capelli. La comare la consolò ed il giorno dopo ritornò anche a vedere come stava: indossava un bel vestito che la donna non le aveva mai visto.

– Addò li si ccattate su bielle vistite? – Addummannette.
– Dove hai comprato codesto bel vestito? – Domandò.

 – Eh! Mi l’onne arigalate, ma mò cummà nin ti pozze dice chi. –   
– Eh! Me lo hanno regalato, ma adesso, comare, non ti posso dire chi me lo ha donato. –

– Gni fa niente cummare me, baste chi si minute a truvareme. Stienghe chiù meglie, ma ancore nin pozze i a pasce, si dumane ci vulisse i tu, mi facisse nu piacere.   
– Non fa niente comare mia, mi basta che tu sia venuta a trovarmi. Sto un po’ meglio, ma ancora non posso andare a pascolare, se domani ci potessi andare tu, mi faresti un piacere.

– Scine cummà, dumane matine vienghe. – E cuscì la cummare, la matine appriesse, iette a pasce ma la sere ariette nchi n’antra crape di mene. Stavolte ere Trubbelle chi era iute a finì dentre a nu fuosse. Pure stavolte la patrone di li crape zi mittette a plagne e zi rascchette la facce, ma z’avette arissignè.    
– Sì comare, domani mattina vengo. – E così la comare, la mattina dopo, andò a pascolare ma la sera ritornò con un’altra capra in meno. Questa volta era Trubbèlle che era andata a finire dentro un fosso. Anche stavolta la padrona delle capre si mise a piangere e si graffiò la faccia, ma dovette rassegnarsi.

Quanne lu iuorre appriesse la cummare zi prisintette pi i a pasce la crape chi ere arimaste, la femmene, vidette ca purtave a lu dite nu biell’anielle nchi nu brillocche e z’insuspittette. Quanne la cummare scette pi i a pasce, i iette appriesse e vidette ca purtava la crape a la fiere pi vennezele.
– Quando il giorno dopo la comare si presentò per andare a pasturare la capra che era rimasta, la donna, vide che portava al dito un bell’anello con brillante e s’insospettì. Quando la comare uscì per andare al pascolo, la seguì e vide che portava la capra alla fiera per venderla.

– La sere, quanne arijette a la case, i dicette ca Palomme zi n’era scappate e nin era chiù arrisciute a ricchappalle. La femmene facette a vvidè ca zi dispiacette e, mentre la cummare faceve a vvidè pur’esse ca la cunsuluave, i dicette:    
– La sera, quando tornò a casa, sostenne che Palomme era scappata e lei non era più riuscita ad acchiapparla. La donna fece finta di dispiacersi e, mentre la comare fingeva anch’essa di consolarla, le disse:

– Cummà, tu mò ma dà fa nuantre piacere: siccome sò rimaste senza crape, dumane m’avisse accumpagniè a la fiere p’ariccattalle.
– Comare, tu ora devi farmi un altro piacere: siccome sono rimasta senza capre domani mi dovresti accompagnare al mercato per ricomprarle.

– La cummare dicette ca scine e la matine appriesse onne scette pi i a la fiere. A nu cierte punte la femmene pigliette na vie chi la cummare nin era mai fatte  
– La comare acconsentì e la mattina dopo uscirono per andare alla fiera. Ad un certo punto la donna prese una strada che la comare non aveva mai fatto

–  Cummà, cheste nin è la vie chi va a la fiere! –    
– Comare, questa non è la strada che va alla fiera! –

– Nin ti preoccupà cummà, cheste è n’accurciatore chi canosce sol’ì. Viè appriesse a me. – E cuminzette a scappà. La cummare i iette appriesse pi na nzegne, ma a nu cierte punte nin la vidette chiù e zi truvette miezze a la lamature. Circhette di passà all’altra vie, ma chiù zi muveve e chiù z’affunnave:    
– Non ti preoccupare comare, questa è una scorciatoia che conosco soltanto io. Vieni dietro a me. – E cominciò a correre. La comare le andò dietro per un po’, ma ad un certo punto non la vide più e si trovò dentro un acquitrino. Cercò di passare dall’altra parte, ma più si muoveva e più affondava:

– Cummare ca mò m’affonne!
– Comare, sto affondando! –

– Diceve la cummare mmiezze a la lamature.  
– Diceva la comare in mezzo all’acquitrino.

– Cacalecine, Trubbelle e Palomme! –
– Cacalècine, Trubbèlle e Palomme! –

Arispunneve la femmene all’altra vie di lu flume.  
Rispondeva la donna dall’altra parte del fiume.

– Cummare ca mò m’affonne!  
– Comare, sto affondando! –

– Cacalecine, Trubbelle e Palomme! –
– Cacalècine Trubbèlle e Palomme! –

Come finì la comare disonesta, la storia non lo dice. L’ultima frase – Cacalecine, Trubbelle e Palomme – è, in ogni caso, solitamente citata quando qualcuno, dopo essersi comportato in maniera disonesta e trovandosi in difficoltà, chiede aiuto proprio a chi ha in precedenza egli stesso cacciato nei guai. 

_______________________
[1] Benedetto Di Sciullo
Abruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti
[2] Giovanni MarianoAbruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, l’aria, i profumi dell’Alto Vastese.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. Giovanni Mariano

    A proposito di quest’aneddoto (Cacalècene, Trubbelle e Palomme) tengo a precisare che ne esiste anche un’altra versione suggeritami da un mio compaesano (e parente) che è molto più complessa ed interessante. È in programma la sua rielaborazione e la successiva pubblicazione, sempre sul sito di Fallo.
    Grazie per l’attenzione.
    Giovanni Mariano

Rispondi a Giovanni Mariano Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.