Avi

di Antonia Anna Pinna[1]

12991052_1043728432385039_2139718179422993973_n

Avi

Fantasmi polverosi
con le facce pietrificate
si accostano ai muri per trovare riparo
dall’imbarazzo della miseria.
Sembrano più vicini alla morte, ma non è così.
Questa è la forza motrice
che ci ha piantato i semi giusti e portato fino qui.
Peccato che chi è vissuto nel benessere
non trovi più dignità da condividere.

 

Dalla raccolta “ Sotto la neve pane “


[1] Antonia Anna Pinna, Abruzzese di Villalago (AQ), lavora in Banca d’Italia. Ama la scrittura e, in particolare, la poesia che nasce dal suo profondo amore per ogni forma di vita, dal suo essere donna, madre e moglie.

Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

 

About Antonia Anna Pinna

Antonia Anna Pinna, Abruzzese di Villalago (AQ), lavora in Banca d’Italia. Ama la scrittura e, in particolare, la poesia che nasce dal suo profondo amore per ogni forma di vita, dal suo essere donna, madre e moglie.

2 commenti

  1. POESIA concisa, quasi lapidaria, è un monito a ricordare gl’insegnamenti trasmessi dai nostri antenati: la MISERIA non è una vergogna.
    Così potremo camminare NON “rend rend a lu mure “( come si diceva pure al mio paese-celando, è vero, un inconsapevole senso di imbarazzo), ma con DIGNITA’ allo scoperto e con viso APERTO!

  2. Antonia Anna Pinna

    Grazie Enzo, grazie Marisa; sempre generosa. Buona domenica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.