Autunn

versi di Gustavo Petresine Tempesta [1]

 Autunne

‘Na fruscia ze sctucchette
da ‘ne ruame;
E può jette zullenne
che ‘ne sciusciuà de viende.

Autunno1

Autunno

Una fronda si staccò
dal ramo;
andando poi a giocare
con un soffio di vento.

______________________
[1] Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

About Gustavo Tempesta Petresine

Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

4 commenti

  1. Tiberio La Rocca

    Immagine davvero bella, poche parole per dire tutto.

  2. Antonia Anna Pinna

    Grande Gustavo. Essenza

  3. Ogni poesia esprime emozioni profonde, ricche, vissute, amate.
    L’immagine poetica della foglia, che si stacca dal ramo e che rimane in balia di un tenue soffio di vento … è stata spesso usata dai poeti sia con significato “letterale” che con significati “allegorici”.
    In questo efficace componimento poetico, a me sembra, abbellito maggiormente dal ricordo, il dialetto dona fascino, eleganza, leggerezza e “ricercatezza”. A me sembra che i due concetti fondamentali, ” Una foglia – si staccò, – si spezzò” – da un ramo”. e. “Poi andò – gioiosamente giocando – con un piccolo alito di vento”. …
    La scelta lessicale è determinante e nessuna traduzione in ligua, secondo me, potrà mai “rendere” il significato … con fedeltà.
    Ogni verso … ogni termine dialettale sembra essere una poesia … per la sua musicalità. …
    Il significato che mi sembra di dover attribuire al termine : “fruscia”. è “foglia”; a ” ze stucchette”, è ” si spezzò”. ” si ruppe con forza”, nel senso che la foglia volesse con vigore separarsi dal ramo … quasi per acqistare nuova vita e libertà mai provata! I termini successivi: “jette zullenne” , a me danno l’dea del saltellare, quasi danzando, senza meta , senza destinazione, senza vincolo alcuno, senza nessuna costrizione, contenta della libertà illimitata, quasi agognata e raggiunta, “che ‘ne sciusciuà de viende.”. A me dà l’idea: ” insieme ad un soffio leggero di vento” , cioè in compagnia di un alito di vento, … compagno di nuove avventure mai vissute nella realtà e solo adesso rese possibili …

  4. L’immagine figurativa è talmente bella e poetica che sembra una “pittura”.

Rispondi a Leonardo Tilli Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.