Home / Gustavo Tempesta Petresine (page 4)

Gustavo Tempesta Petresine

Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

E noi del cul’ facemmo anco trombetta

Racconto di Gustavo Tempesta Petresine [1] Tornavamo da Roma, io e “frateme” diretti a Pescopennataro per fare visita alla vecchia madre ultra novantenne. Dopo avere onorato la casa natale e controllato la vecchia genitrice scambiando quattro chiacchiere, decidemmo di andare – come consuetudine – a terminare la giornata con una …

Read More »

III Canto di Altosannio

Questo Canto di Gustavo Tempesta Petresine[1] fa parte di un suo libro di poesie intitolato “Ne cande”[2]              Canto di Altosannio – III              Il giallo oro e l’ocra spudorato. Il colore invitante di funghi sospettati. -coloreria semantica del giallo- Il becco del corvo …

Read More »

Secondo Canto di Altosannio

Questo Canto di Gustavo Tempesta Petresine[1] fa parte di un suo libro di poesie intitolato “Ne cande”[2] Canto di Altosannio    II      Ho amato il teschio e l’elmo che lo conteneva. Ho amato il Toro fiero e la Lupa leziosa. Ho amato, amato amato, ma quale amore mi ritorna adesso! …

Read More »

La veggiglia

Gustavo Tempesta Petresine [1] Eva l’ant’ veggiglia d’ Natale, acquanda davendr’ a chella casa faceven la liscta de tutte le cose vone ca ze sarriane magniet’ la sera de re 24 deciembre. Mittec’ re baccalà– deceva une. E ce po’ mangà re capitone?- arrespunneva l’ualdr’. E ficra secche e nuce e le …

Read More »

La chiezza – La piazza

 Poesia di Gustavo Tempesta Petresine[1]   La chiezza La chièzza è gne nə luaghə liscə e calmə addù rə juornə trapazza e chiacchiaréa pə può arrəterièrsə quanda zə fa sera e irsənə addərmì chə lə allinə. La chièzza è gne na conga ca l’esctatə cundiénə l’acca də la giovendù, tracəma de …

Read More »

Esequie….

Gustavo Tempesta Petresine [1] Esequie…. Le strade assorbono gli ultimi rintocchi. Campane listate a lutto. Stropiccio mesto e rigido: come vetroso. Non è stato mai abitato Questo luogo. E questa gente, da dove è mai venuta? Questa gente. Sonnecchiano solo le porte serrate in questo abbandonato paesare d’inverno. Per aggregare …

Read More »

‘Ne frusce d’ale – Un fruscìo d’ali

Poesia di Gustavo Tempesta Petresine Il faggio (Fagus sylvatica, in dialetto fajone) è un grande albero, alto fino 40 metri, che forma boschi stupendi. Le faggete colonizzano la maggior parte delle colline più elevate del nostro paese. Così, quando compaiono i faggi, si sente l’aria diventare più fresca e frizzante,  e …

Read More »

Mazzalingh’

Canzone con versi musica e voce di Gustavo Tempesta Petresine[1] Mazzalingh’ Quanda la sera appènn ‘n ciel’ la luna chiéna e re trescenièr’ amménen’ le fum’ nella notte nera: ce sctà chi se scalla attorn’ arr fuoch’ e chi allava re piètt’ e chi appena magnièt’ z’è fecchièt’ già déndr’ …

Read More »

…..…e tu vento

Nuvole nere

Poesia di Gustavo Tempesta Petresine [1] …e tu vento Portati via queste accigliate nuvole nere,  come un accidente mal tollerato, un moscone che ronza. Portati via gli strapuntini di miserabile potere e questi satrapi sui troni traballanti. ___________________________________ [1] Gustavo Tempesta Petresine, Nativo di Pescopennataro, si definisce “ignorante congenito, allievo …

Read More »

Fiera d’Agnéune

Poesia musicata e cantata dal suo autore Gustavo Tempesta Petresine [1] Fiera d’Agnéune Jènne menènne melune cugliènne So jute alla fiera d’Agnéun’. Jènne menènne cugliènne melùn’ Sctive tu suòla che ‘nziembre a nesciùne. Sctive tu suòla che ‘nziembre a nesciùne. Tu camenènn’ pe ‘mmièzz alla gende Ive decènn: chi tè troppe …

Read More »

Ammonde a Sandluca – Sul Monte San Luca

di Gustavo Tempesta Petresine [1] Ammonde  a Sandluca Re Padreterne: arre diciotte ottobbre darre ciéle ascegnette, atterrette a ‘ne paese de mundagna addù ce criscene le rocchie e l’erva spragna. Siccome l’aria je sembrette fina, je piacette r’abbìte e la pagliùca ‘mblette e vosche vosche ze truvette ‘ngime a ‘ne …

Read More »

Esisctènza

di Gustavo Tempesta Petresine[1] Esisctènza ‘Na ‘ngusctia ‘n’allərìa, mmiézzə ‘nə zuffələ è già ddəmànə. Esistenza Un’angoscia, un’allegria, nel mezzo un soffio è già domani.     Questa poesia è tratta dal libro di Gustavo, NE CANDE edito da Edizioni SIMPLE  (si trova su internet)   _________________________________ [1] Gustavo Tempesta Petresine, Nativo di Pescopennataro, si …

Read More »