Home / Francesco Di Rienzo

Francesco Di Rienzo

Francesco Di Rienzo è nato a Napoli da genitori capracottesi. Lavora come responsabile dell'ufficio stampa di una delle più importanti società italiane nel settore dei beni culturali. Conduce da circa 25 anni studi e ricerche su Capracotta e sull'Alto Molise. Eletto nel Consiglio Direttivo del CAST ALMOSAVA il 21 settembre 2012, è uno dei fondatori dell'Associazione "Amici di Capracotta", di cui ricopre attualmente l'incarico di segretario. È autore di diverse pubblicazioni sulla storia e sulle tradizioni di Capracotta. È socio della Società Napoletana di Storia Patria

Signora mia, non esiste più bonatenenza!

di Paolo Trotta L’ufficio delle tasse di Brueghel il giovane (XVI secolo) «Signora mia, non ci sono più i beni burgensatici di una volta e non esiste più bonatenenza! Hai voglia a parlare di focatico, panatico e terratico e i mastrodatti scrivono bagliva senza portolanìa». In quel pozzo senza fondo …

Read More »

Personaggi altosanniti: Ippolito Amicarelli

di Michela D’Alessio Ippolito Amicarelli. Foto: Associazione Culturale Famiglie Agnonesi di Montreal Ippolito Amicarelli nacque ad Agnone (Isernia) il 10 agosto 1823. Dopo la formazione nel seminario di Trivento e gli studi di diritto canonico a Napoli, l’Amicarelli tornò nel 1848 in Agnone: qui collaborò, con Francescantonio Marinelli e Giuseppe Nicola …

Read More »

Mafalda-Capracotta: un mito dei cartoni da riscoprire

Esperienza abbastanza comune a tutti gli accumulatori seriali di libri, giornali e compagnia bella è quella di ricercare invano proprio quel “pezzo” che ci servirebbe e che invece non ne vuole sapere di uscire fuori, poi, per una strana ma benedetta legge di compensazione, te lo ritrovi in maniera del …

Read More »

L’invasione dei banditi a Capracotta

di Domenico Di Nucci e Francesco Di Rienzo «A dì 9 di luglio 1657 giorno di lunedì alle tredici hore fu il secondo e sempre ricordevole flagello che ha patito questa Terra di Capracotta». Comincia con queste parole il resoconto dell’arrivo dei banditi nella nostra cittadina tramandatoci dal Catalogus Omnium …

Read More »

Agnone e i suoi fantasmi

di Maria Merola Agnone, non smette mai  di stupirci. Oltre al famoso Palazzo Nuonno, di cui alcuni anni fa circolava anche una foto su Facebook attestante la presenza di una persona dietro la finestra, peccato che la finestra sia murata… Comunque Agnone a quanto pare avrebbe altri fantasmi. I diversamente …

Read More »

Agnone: san Diodato e la cetonia

di Maria Merola Mi ricordo che, quando ero bambina, mia nonna mi raccontava di san Diodato martire, le cui reliquie sono visitabili presso la Chiesa Madre di Agnone, San Marco. Per la precisione mi diceva di una leggenda, di cui non riesco a trovare notizie, riguardante una cetonia verde, rimasta intrappolato all’interno della …

Read More »

Civitanova del Sannio e il medico leggendario

Un'immagine di Civitanova del Sannio

di Maria Merola Il nome Civitanova del Sannio è stato attribuito nel Medioevo per distinguere il paese da Civitavetula, oggi Duronia. Una delle caratteristiche più interessanti legate a Civitanova è sicuramente il luogo chiamato Le Quattro strade, da cui è possibile vedere il paese nella sua estensione. Secondo un’antica credenza …

Read More »

Trivento e le sue leggende

di Maria Merola Trivento, secondo secondo un’antica immaginazione etimologica era così chiamato perché esposto ai venti dell’est, del nord e del sud, si trova su un colle da dove domina il territorio della valle del Trigno. Nei dintorni sono presenti delle profonde caverne scavate nella roccia, chiamate “morge”, tra queste …

Read More »

I leggendari cavatelli del Molise

Maria Merola Una delle cose più buone del mondo, ricordo quando la nonna li preparava rigorosamente a mano, uno per uno e ci lasciava sempre una patata lessa da mangiare col sale sopra, rideteci pure ma era una bontà! Sto parlando dei cavatelli con il sugo. Si tratta di gnocchi dalla forma …

Read More »