Home / Flora Delli Quadri

Flora Delli Quadri

Flora Delli Quadri, Molisana di Agnone (IS), prof.ssa di Matematica in pensione. Si occupa di cultura e politica; pur risiedendo altrove, ha conservato intatto l'amore per il suo paese d'origine che coltiva in forma attiva.

CHE SIGNIFICA CACIOCAVALLO?

  di Franco Valente [1] Sembra facile dare una risposta, ma non lo è... L’anno passato, in occasione di una passeggiata a Colletorto, ho avuto la possibilità di entrare nel convento detto di S. Alfonso, che versa in uno stato penoso. Al suo interno, nonostante il disastro, sopravvive il ciclo …

Read More »

Alla Befana piaceva il fegato

Racconto di Flora Delli Quadri [1] Nella casa di mio padre vi sono due caminetti contrapposti e simmetrici tre loro, uno in cucina e l’altro nella sala, con un inconveniente, però: hanno un’unica canna fumaria per cui, se funziona uno dei due l’altro deve essere ben chiuso per evitare che il …

Read More »

I Mostacciuoli di Re Manfredi lo Svevo

A cura di Flora Delli Quadri . Narra la leggenda che, nel lontano 1225, Re Federico di Svevia, Imperatore del Sacro Romano Impero, giunto in Agnone conobbe una nobildonna, Bianca Lancia. La stessa, abilissima nella preparazione di dolci, volle fare omaggio al suo Imperatore di una cornucopia di “Mustaceus” beneauguranti. …

Read More »

Natéale Lundéane – Natale lontano

di Valentino Nero [1] . Natéale Lundéane Cara mamma, Nateal st’arrevènne e me ve’ sembre nustalggioja d’arrabbracciarte dòppe tanda ènne e d’arvedaje ru paese moja. Ru presèpie de sopra a chella taura come ‘na volda vularroja arfaje che la ranoja, l’edera e la laura na grotta tante bbella arraccungeaje. Arsndòjra …

Read More »

Ru z’ngarielle viola

Racconto di Maria Antonietta Gentile “Jamme jamme, allegra, ca masséra ze sfruscia da zi Artur e èma ji p’ajetùa a pulì le pannocchie!” (Stai allegra che stasera andiamo da zio Arturo per aiutarlo nella spannocchiatura) Così disse con tono gioioso mia cugina Miria in quel lontano giorno di settembre dei …

Read More »

La chiamavano “la Befana”

di Flora Delli Quadri Ho un preciso ricordo di bambina: seguivo in corteo la processione della Madonna di Costantinopoli quando, alzando gli occhi verso un “finestrillo” di una casa in piazza Libero Serafini, vidi un viso che sporgeva quel tanto necessario per guardare senza essere visti. Il volto era scheletrico …

Read More »

San Bernardino in Agnone: il ciliegio

di Massimo Gargiulo[1] IL CILIEGIO Laggiù, verso il fondovalle a piè di Agnone ove serpeggia gorgogliando il placido Verrino, pallido ed effimero un prunus avium fioriva nel tenero maggio molisano.       E quando rosseggiavano i grappoli di turgide ciliegie, un nugoletto di scavezzacolli, come passeri frullanti, scendeva furtivo …

Read More »

San Bernardino in Agnone nei versi nostalgici di un suo convittore

di Massimo Gargiulo [1] I CONVITTORI Ricordi, Alfredo , quelle prime notti di prorompente primavera ? Stavamo sporti alla finestra della camerata, puzzolente di piedi e scarpe fradice di cento convittori, per respirare il balsamo fresco e fragrante di profumi d’erbe e di ciliegi. Intimiditi dalla luce bianca della Luna, …

Read More »

Il professore Luciano Tavarozzi

di Maria Delli Quadri Luciano Tavarozzi, più noto come Cî-ano (non come il ben più noto Galeazzo, ma proprio Cî-ano, Cî-ano), era il nostro professore di disegno al Liceo Scientifico che non aveva, all’epoca, nomi di papi o altro, ma si chiamava semplicemente Liceo Scientifico e basta. Era subentrato al professore …

Read More »

I campi di internamento di zingari in Agnone e nel Molise

di Stefano Pasta Quella sopra è una delle foto più note della follia nazifascista nei lager. Scattata nel 1941, ritrae Maria Bihari, una «zigeunerin» (zingara) di cinque anni. Conosciamo il volto di Maria – Miezi il nome con cui la chiamavano in famiglia – grazie ai cataloghi del Centro di Ricerca …

Read More »

“Li mucchije” (I cumuli)

di Guido Delle Monache[1] Accadde d’estate, a Penne nei primi anni ’50. Eravamo in una grande aia di “nu camparole” (un proprietario di un grande podere) per la trebbiatura del suo grano. Visto la maestosità dei due grandi cumuli (li mucchije), occorrevano più di due giorni per completare i lavori. Ognuno …

Read More »