Home / Enzo C. Delli Quadri (page 3)

Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

S’ cùoc’n’ l’ sagn’ e tacchìun’

Poesia di Giuseppe Delli Quadri [1] dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2] S’ cùoc’n’ l’ sagn’ e tacchìun’ Sótt’ alla ciumm’nòira šta vullènn’ ru cuttrìell’ ch’ sémbra nu vapéur’; la mamma ch’ l’ j’nèštr’ št’att’zzènn’, ru such’ rušš’ bbubb’jajja e ch’addéur’! Gna s’amménan’ l’ sagn’ t’ …

Read More »

Come eravamo – Capodanno

Scritto di Lucia Amicarelli [1], tratto dal libro “Tradizioni popolari di Agnone” curato da Domenico Meo [2]  Nell’intervallo tra il Natale ed il Capodanno continuano le riunioni pomeridiane e serali. Per tutto il periodo si gioca a tombola ed a carte, mentre i più giovani si riuniscono per qualche ballo familiare a cui …

Read More »

Nel vicolo

Poesia [1] di Florindo Di Iorio [2] Nel vicolo Vago in un vicolo forse in un antro luci abbaglianti riflettono ombre. Ma sì , sto sognando ricordi di luce, stelle cadenti riflessi di neve,  illusioni di tempo. Intanto rincorro rifugio sicuro sbaglio l’ingresso, busso, ma ormai sono oltre. Oltre il confine, di un …

Read More »

Immagini e Parole – LA NOTTE

Versi di Rita Cerimele[1] e Foto di Francesco Giaccio[2]  . Grazie alla notte apprezziamo il giorno; di notte possiamo osservare le stelle e tutto quanto brilla. Al buio non esistono confini e tutto può succedere, anche una magia, non a caso gli antichi ci insegnano che “la notte porta consiglio.”

Read More »

Papio ricorda l’origine della Gens Sannita

Estratto di un brano del Romanzo Viteliù di Nicola Mastronardi [1], con editing e breve nota introduttiva di Enzo C. Delli Quadri; Musica di Ennio Morricone : The Mission La Guerra Italica, combattuta da Sanniti, Marsi, Peligni, Marrucini, Vestini, Piceni  contro Roma dal 91 all’88 a. C. per l’ottenimento della cittadinanza romana, …

Read More »

Natalə sénza pèacə – Natale senza pace

Poesia di Felice Di Rienzo[1],  tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2] Natalə sénza pèacə Ru Natalə é la jurnèata cchjù bbèlla də tuttə lə fèštə déndrə all’annə, chéštə lə sìenə tuttə quéndə ma nəscìunə lə vó capójjə. Chəmmùajə? É Natalə, la pacə ngi štèajə tuttə …

Read More »

Baccalà Arracanato

a cura di Enzo C. Delli Quadri Il baccalà arracanato, che vuol dire aromatizzato (con origano), è una ricetta tipica della cena della Vigilia di Natale , perchè la tradizione vuole che la vigilia si mangi magro. Semplice ma gustosissimo, questo piatto è arricchito dalla presenza dell’uva passa (e, in una …

Read More »

Il Muschio

A cura di Benedetto di Sciullo [1]editing Giovanni Mariano [2] Nelle campagne che circondano i nostri paesi e soprattutto nel loro sottobosco è facilissimo trovare spessi strati di muschio che ricoprono i massi. Nonostante il senso di freschezza che questa pianta c’ispira, spesso essa è ignorata forse proprio perché così facile da trovare. Questo avviene …

Read More »

La ciumm’nòira e rru tèrmus’féun’ – Camino e termosifone

Poesia di Giuseppe Delli Quadri [1] tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2] La ciumm’nòira e rru tèrmus’féun’ Nu bbèll’ jùrn’ ru tèrmus’féun’ ch’ la ciumm’nòira facètt’ ru spacchéun’, d’cètt’ ca iss’ éva luštr’e lucènd’ e chélla nàira, éva vrétta e f’tènda. La ciumm’nòira nz’ scumb’nnètt’, …

Read More »

La culatə

di Leonardo Tilli La liscivia è una soluzione detergente (detta anche ranno ) ottenuta filtrando un miscuglio di cenere di legna in acqua bollente e usata un tempo per fare il bucato, o per indolcire le olive. Foto e didascalia di Tina Marchesciano “Lo sapevate che per lavare si usava la cenere?” A casa …

Read More »

Dolci di Villetta Barrea, alle mandorle

di Anna Di Domenico  Questi dolci non hanno un nome particolare, né una forma predefinita e si fanno nelle feste di Natale e Pasqua, assumendo la forma a seconda della ricorrenza. Tipica del Natale è la forma capitone e/o il cuore, a Pasqua invece quella di agnello, ma ci si può anche sbizzarrire. Il capitone …

Read More »

Nonna Raccontami – L’ acqua nella pignatta

Racconto  di Silvio Falato.[1] Filippo e Concettina erano sposati da molti anni. Avevano tirato su una bella vigna e tutte le mattine si recavano in campagna, sempre assieme. Filippo era di media statura, serio ed equilibrato, ancora un bel- l’uomo. Concettina, più alta e robusta, ritta e severa nel portamento …

Read More »