Home / Bruno Marinelli (page 3)

Bruno Marinelli

Bruno Marinelli, molisano di Rionero Sannitico, costretto ad abbandonare gli studi universitari per dedicarsi al lavoro in banca, ha operato nel sindacato, senza mai abbandonare la sua passione per la poesia dialettale.

‘Nu cuàne, sule – un cane, solo

di Bruno Marinelli [1] ‘Nu cuàne sule Abbajava e me gerava attuorne “Vattenne cacciuniè!!, stai sule, me despiace, i’ re tenghe l’amice”. Ma quire n’se ne java, abbajava, zumbava, me strusciava, sembrava di’: ” i’ nen te chiede niente, vulesse sule ‘na carezza ‘ncape, statte, statte ‘nu poche”. “Vattenne cacciuniè!!” …

Read More »

Tante tiempe fa

di Bruno Marinelli [1] Tante tiempe fa ‘Nu vèle de luna, ‘nu ciele celesct: la notte ch’ fa post alla matina. Passa, ch’ ru zappone, ru cafòne, ‘na vecchia porta l’acqua ch’ la tina. Mastre furnare st’a caccià le pane e tutt’attuorne ce sta ,già, l’addore. Ch’ la cucchiara e ch’ la …

Read More »

Il cane e il gatto

Poesia di Bruno Marinelli [1] Il cane e il gatto Diceva il cane al gatto: “Sei ribelle. Protetto io dormo a casa del padrone, tu preferisci star sotto le stelle, disteso, a volte, accanto ad un barbone. Tu corri appresso ai topi e alle farfalle, io, coi bambini, gioco nel …

Read More »

Ricordi

Poesia di Bruno Marinelli [1] Ricordi Pensieri che cullano come onde di un mare quieto che rifulge di stelle la sera. Ricordi che frusciano a mo’ di foglie, di una vecchia quercia, che dondolano al vento a primavera. Sospirano i vicoli antichi un gergo che non s’usa più, ondeggiano i …

Read More »

N’ le facce chiù

E se guardanne ‘nciele quacche sera… … … …  Poesia di Bruno Marinelli [1] N’ le facce chiù  “Chella stelluccia ‘nciele è mamma teja”, decevane quand’ie seva uaglione, tant’eva brava, accuscì santa e bella, ca, iuta ‘nciele, è addeventata stella. E mo tamente ‘mieze a sta muntagna, guarda cerca e te …

Read More »