Home / Bruno Marinelli (page 2)

Bruno Marinelli

Bruno Marinelli, molisano di Rionero Sannitico, costretto ad abbandonare gli studi universitari per dedicarsi al lavoro in banca, ha operato nel sindacato, senza mai abbandonare la sua passione per la poesia dialettale.

Migranti

di Bruno Marinelli [1] Migranti Avanza sul barcone la speranza, negli occhi, ancora, fiamme della guerra, guarda lontano nella notte fonda, è sempre più lontana la sua terra. Furioso il mare, come bestia nera figlia di un mondo che non ha pietà, urla e coi flutti come denti azzanna, sparge …

Read More »

I’ m’arrcord

di Bruno Marinelli [1] I’ m’arrcord Currevane, redenne, pe’ ‘stu prate, decevane: “Acchiappace papà !!”, me re stregneva, allora, forte, forte, e ancora, tante, le vulesse fa. Mo’ se so fatte gruosse tutt’e tre e nen le pozze fa ch’ tenghe scuorne, d’ vase e d’ carezze l’arregnesse, e re …

Read More »

‘Na chianta d’ marene

di BrunoMarinelli [1] ‘Na chianta d’ marene Ce sta ‘na vecchia chianta d’ marene e moglieme ce fa la ratafìa, s’arrìvane le pene e re pensiere bbasta ‘na stizza e torna l’allgrìa. Te l’arrecuorde?, quande, …tiempe fa… l’arraccuglìve, pe’ fa la r’cetta, da sotte, ‘mbambalìte, i’ te uardave, tu me …

Read More »

La strehe   (le malelenghe)

Poesia di Bruno Marinelli [1] La strehe   (le malelenghe) A ‘stu paese, la chiamane la strehe. “Pe’ ‘na viarella stretta, stretta e scura, dente a ‘na casa meza sderrupata, fa le fatture e legge la ventura”. …Dice la gente… e dice : “ E’ malamente, e te ‘nu nase …

Read More »

La pasturella

di Bruno Marinelli [1]  La pasturella Da sempre stu ciele, le stesse muntagne; da sempre sta terra, re stesse culure, chest’acqua che corre cuntenta luntane, e ‘ntante ru tiempe la veste t’accorta, quaccosa s’appiccia e te trema ‘ndi mane. E mentre tamiente nu cieglie che vola, na fronna de rosa, na …

Read More »

Voglie turnà da te paese mije

di Bruno Marinelli [1] Voglie turnà da te paese mije ‘Nu pesce ch’arrenghiana la currente e se ne va a murì lloche ‘ddo è nate, a ‘stu paese i’ ce pensava tante e doppe tante tiempe so’ turnate. Voglie sendì ch’ l’aria sa de terra appriesse ch’è sfuriat ‘n’acquazzone; voglie …

Read More »

Come si bella

Poesia di Bruno Marinelli [1] Come si bella Come si bella quande, la matina, mane a re fianche, viè’ dalla funtana ddo si arregnuta l’acqua che la tina che puorte ‘ncape come ‘na regina. ‘Ncoppe alle corde dentre a ru ciardine, quande re panne mitte a’ppresuttà, pe’ fa chiù prieste …

Read More »

Sciocca – Fiocca

Poesia di Bruno Marinelli [1] Sciocca Da quanta tiempe che nen succedeva: sciocca,massèra, ‘ncoppe a ‘sta città. La chiazza, ‘llumenata e gghianca, affata, pure le statue arresce a fa ‘ncantà. De pisciarielle se veste ‘na funtana, a vocca aperta la gente sta a uardà re papaluosce che ‘nazzecane ‘nciele e …

Read More »

Ru cacciatore

Poesia di Bruno Marinelli [1]  ….. canta ru cieglie e mentre canta more. Ru cacciatore Ancora ce vo tiempe pe fa juorne e ‘nfretta già s’abbìa ru cacciatore: ru quane ‘nnanze e ru fucile a spalla camina liegge pe nen fa rumore. ‘Nghiana ru sole ‘ncoppe alla muntagna, ru ciele …

Read More »

Sernata cafunesca.

di Bruno Marinelli [1] Sernata cafunesca A mezanott, ch’ ‘sta luna chiena, me so’ tarmat sott a ‘stu balcone, ma te vuleva fa ‘na sernata, perciò me so’ ‘nventat ‘sta canzone. ♫ Iesce, fatt vedè quant si bella, quande camine simbre ‘na cavalla ch’ se capiglie luonghe pe’ la schina, …

Read More »

O ma’ – Oh mamma

di Bruno Marinelli [1] O ma’ Vulesse fà ‘rrvarte ‘sta prehjera che cresce ‘mpiette come ‘nu dulore e sule tu la può ‘scutà massera, nunn’è prehjera fatta de parole. Ca nun ce stanne parole accuscì belle: è l’anema che canta ‘na canzone, mentre ru ciele friccica de stelle, è ‘nu …

Read More »

La pulènde – La polenta

Poesia di Bruno Marinelli [1] La pulènde Ch’ ru callàre appìse a ru camine ‘na vecchiarella còce la pulènde, d’ cèppe e lena scentelleja la vrace, sciocca la neve, è fridde e tira viende. ‘Ncoppe a ‘na seggia, ‘nu giurnale ‘mmane, …la coccia ch’ogne tante re s’appènne… mbacce a ru fuoche, …

Read More »

Passa ‘nu muorte

di Bruno Marinelli [1]   Passa ‘nu muorte Passa ‘nu muorte, sona ‘na campana, ‘na mamma chiagne ru uaglione sije, se fermane de vev alla cantine, “Figlie si muorte, figlie,figlie mije!” Passa ‘nu muorte, sona ‘na campana caccune s’addumanna chi s’è muorte ‘na vecchia uarde arrete alla fenestre e le …

Read More »

Da Sulmona a Castielle

di Bruno Marinelli [1] Da Sulmona a Castielle ‘Ncoppe alla chiana delle cingh mejja, venenne da Sulmona, la matina, m’ncantane, d’autunne, re culure, vijat m’arresciate ‘st’aria fina. Dentre a ‘nu prate ‘n’acqua crestallina, ‘ncoppe alla jerva verde, ch’ restagna, ce s’arrspecchia ‘nu ragge de sole, ru ciele azzurre, ‘na cima …

Read More »