ASCOLTO

Poesia di Rita Cerimele

 

(Molti di noi,  arrivando in paese o partendone,  sono sicuramente passati a salutare i  cari che non ci sono più)

Si può ascoltare la morte? Recandoci al cimitero per la visita ai nostri cari scomparsi, porgiamo l’orecchio alle foglie che cadono; al profumo dei fiori; al tremolio della fiamma delle candele, dei ceri e dei lumini. Non tralasciamo il dondolio dei cipressi accarezzati dal vento perché questa è la voce della morte; una morte apparente, da non temere, perché ha ancora tanto da dire, e, con queste manifestazioni, ci suggerisce di viverla bene la vita per dar voce, un domani, alle spoglie che parleranno di noi. 

About Rita Cerimele

Rita Cerimele è nativa di Agnone (IS). Scrive libri di favole e poesie. Tra le sue ultime pubblicazioni ricordiamo: “Lascia che il Tempo Corra” Ed. Mondi Velati; “La Bambina con la Valigia Rossa”, “Abbiamo Tanto da Dire” e “Haiku” tutto di Etica Edizioni.

Un commento

  1. Sempre gotica e…brava.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.