Home / Cultura / Ascì parlett zi N’Dogn, alfabbetech ‘gnurand – Così parlò zi N’Dogne, analfabeta ignorante –

Ascì parlett zi N’Dogn, alfabbetech ‘gnurand – Così parlò zi N’Dogne, analfabeta ignorante –

Sogno di tarda-notte di Gustavo Tempesta Petresine
in dialetto di Pescopennataro con traduzione

Ascì parlett zi N’Dogn. Alfabbetech ‘gnurand

Se ije fuss secure ca addeman m’avessa murije: la sera apprima de ru trapass me appecciesse ru fuoche ausuann la lena de faje pe fa ‘na vrascia bella roscia e toscta, ca sulamend a vedella t’arredrejeassia ru corp e l’alma!

Chien chien preparess tutt chill cos ca me piecen a maja. La vendresca, la gnuognera e la salgiccia de fechete. E dapuò ru fecatiell de agniell e ru cazzmarr ca avess fatt preparà a mogliema a sseconda la tradezione nosctra.

Mettarria tutt cose n’gim alla radichela, e ca tramendre ze coce tutta ssa griezia de Doje ije uardesse dalla fenesctra e candenn alla luna. Faccess ‘ne cungerte a sola voc, dedicat a tutte l’’alme perdut e desgraziet ca la mala sorta ha fatta perdì pe ru monn!

‘Ne buttegglion de vin, cert, nne ce ammangarria; ca masserra me haia fa tunn tunn. Ascì acquanda ve la “cummara secca” me trova biell aller e cumbagnon. E va a fenì ca ‘nziembre a essa candemm pur “tutt li fundanell ze so seccat”
Vurria pur ammenà l’uldema botta! Ma nne le sacc se ru pisciariell, addop tutt chill ca me fura magniet, arrespunness arru dover ca avessa fa!

La uldema alzata de coccia a rru ciel ca m’ha viscte cresc pe miese a ‘sse mundagne desperat. E sott arru ciele sctellate de ru mese d’Auscte, abbassà la coccia pe addemannà ru perdon pe ru male che nne haie manghe fatt.

Quesso è!

Così parlò zi N’Dogne, analfabeta ignorante

Se fossi certo di morire domani, la sera prima del decesso accenderei un fuoco con legna di faggio per far brace rossa e tosta che, a sol vederla, anima e corpo si ravviverebbero.

Pian piano, preparerei tutto ciò che mi piace mangiare: la ventresca, la trippa e la salsiccia di fegato. E, dopo, il fegatello di agnello e l’involtino preparato da mia moglie secondo la nostra tradizione e, cioè, ripieno di animelle, aglio, prezzemolo e peperoncino messo nell’omento e avvolto nelle budella di agnello.

Metterei tutto sulla graticola e, mentre questa grazia di Dio starà cuocendo, guarderei dalla finestra e canterei alla luna. Farei un concerto a una sola voce, dedicato a tutte le anime perdute e disgraziate che, per la cattiva sorte, si son perse per il mondo. 

Un bel fiasco di vino, certo, non mancherebbe perché in questa serata non potrei che ubriacarmi. Così quando dovesse arrivare la “commare secca”, mi troverebbe bello, allegro e compagnone. E va a finire che, insieme a lei, canteremmo pure “tutte le fontanelle si son seccate”. 

Vorrei anche provar l’ebrezza dell’ultima amplesso ma non so se il mio pene, dopo tutto quelle che avrei mangiato, sarebbe ancora in grado di rispondere al suo dovere.

Sarebbe l’ultima alzata di testa al ciel che mi ha visto crescere in mezzo a queste montagne disperate. E, sotto il mese stellato del mese di Agosto, abbassserei la testa a chieder perdono per il male che non ho neanche fatto.

Questo è!

Copyright: Altosannio Magazine
EditingEnzo C. Delli Quadri

About Gustavo Tempesta Petresine

Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

2 commenti

  1. Antonia Anna Pinna

    Grande Gustavo. Sei il poeta

  2. Bel progetto “finale”! Tutte cose stuzzicarelle, prelibate, genuine e paesane….perché privarsene?UNO SMACCO PER LA CUMMARE SECCA! Sempre che poi lo stomaco “sappia” ancora fare il suo dovere, e non solo lui!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.