Home / Cultura / Cultura Popolare / Aneddoto dell’Altosannio – NTUONE – TONIO

Aneddoto dell’Altosannio – NTUONE – TONIO

Aneddoto[1]  di Benedetto di Sciullo[2] e Giovanni Mariano[3]

Infingardo

Ntuone ere nu vaglione chi nin faceve mai chille chi i diceve la mamme.
Tonio era un ragazzo che non faceva mai quel che sua madre gli diceva.

Nu iuorre la femmene prime di i ncampagne jariccummannette di nin tuccuà chille chi stave dentre a na tazze dentre a lu stipe.
Un giorno la donna, prima di andare in campagna, gli raccomandò di non toccare quello che stava in una tazza dentro la credenza.

– Picchè? – Addummannette Ntuone.
– Perché? – Chiese Tonio.

– Picchè è tuosche, e si lu tuocche o ti lu miegne ti muore. – Arispunnette la mamme.
– Perché é veleno, e se lo tocchi o lo mangi muori. – Rispose la madre.

Appene la mamme scette da la case, Ntuone pigliette na segge, jette a lu stipe, truvette la tazze e zi magnette tutte chille chi ci stave dentre. Doppe z’aricurdette di chille chi javeve ditte la mamme, allore, mpaurite, z’impilette a liette pronte pi murireze.
Appena la mamma uscì di casa, Tonio prese una sedia, andò alla credenza, trovò la tazza e mangiò tutto quello che c’era dentro. Poi si ricordò di quello che gli aveva detto la madre, allora, spaventato, s’infilò a letto pronto per morire.

Quanne la mamme arijette, truvette Ntuone a liette chi plagneve. – Chi si fatte? Ti dole co ccose? – Addummannette la mamme mpaurite.
Quando la madre tornò, trovò Tonio a letto che piangeva. – Che cosa hai fatto? Ti fa male qualcosa? – Chiese la mamma spaventata.

E Ntuone, sempre plagnenne, arispunnette: – Mamme, mi stienghe murenne picchè mi so maggnete tutte lu tuosche. –
E Tonio, sempre piangendo rispose: – Mamma, sto morendo perché ho mangiato tutto il veleno. –

Allore la mamme arraijete, nchi li miene a li flànchere e allucchenne i dicette: – Sciammallitte spranzone, àlzete! Culle ere lu mele chi mà date nònnete pi lu cannarine! –
Allora la madre arrabbiata, con le mani sui fianchi e gridando gli disse: – Maledetto fannullone, alzati! Quello era il miele che tua nonna mi ha dato per il mal di gola! –

Ancora oggi si usa la frase “zè jute a mette a lliette gnè Ntuone” per indicare una persona che, dopo aver compiuto una malefatta, vuole fingere di non saperne nulla o aspetta lo svolgersi dei fatti standosene nascosto per paura di essere scoperto.

_________________________________
[1] Aneddoto = Notizia storica marginale, poco nota ma caratteristica, relativa per lo più a un personaggio o evento importante. O, anche, raccontino breve e arguto, relativo a personaggi o fatti reali o tipico, significativo di un certo ambiente. In senso più ampio, fatto particolare e curioso della vita privata di qualcuno
[2] Benedetto Di Sciullo, Abruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti.
[3] Giovanni Mariano, Abruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, la aria, i profumi dell’Alto Vastese.

Musica: MERAVIGLIOSO gran Valzer per Fisarmonica e Orchestra Musica del M Stefano BERTONI
Editing: Enzo C. Delli Quadri

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.