Home / Cultura / Cultura Popolare / L’Arruste di lu Puvirielle – L’Arrosto del Povero

L’Arruste di lu Puvirielle – L’Arrosto del Povero

Aneddoto di Benedetto di Sciullo e Giovanni Mariano  [1]

ArrostoNu povir’ome chi circave la limosine, nu iuorre, chi z’era stancate di i caminenne, z’assittette sobbre a li schiele di ‘na case.
Un pover’uomo che chiedeva l’elemosina, un giorno, stanco di camminare, si sedette sui gradini di una casa.

I tineva fame e caccette da la saccocce nu piezze di pane sicche e cuminzette a rusccà.
Affamato, trasse dalla tasca un pezzo di pane secco e cominciò a rosicchiarlo.

Mentre stave magnenne, z’aprette ‘na finestre di la case e ‘na bell’addore d’arruste zi spandette pi tutta la vie.
Mentre stava mangiando, si aprì una finestra della casa e un bel profumo d’arrosto si sparse per tutta la strada.

Lu puvirielle z’alzette da lu scuale, z’avvicinette a la finestre e nchi li frosce allariate z’arisazijeve di chell’addore.
Il povero si alzò dal gradino, s’avvicinò alla finestra e con le narici dilatate si saziava di quell’aroma.

Doppe na ‘nzegne, nin putennene chiù di chella bell’addore, caccette da la saccocce n’ualtre piezze di pane sicche, allunghette la miene da la finestre aperte e mittette lu tuozze di pane mmiezze a lu fume chi ci scive.
Dopo un po’, non potendone più di quel bel profumo, cavò dalla tasca un altro pezzo di pane secco, allungò la mano attraverso la finestra aperta e mise il pane in mezzo al fumo che ne usciva.

Quanna, second’isse, lu pane z’era ‘nsapurite, aritirette la miene e aricuminzette a ruscca.
Quando, secondo lui, il pane si era insaporito, ritrasse la mano e riprese a rosicchiare.

Lu patrone di la case (e di la carne) quanna vidette chille c’aveva fatte l’ome, scette nmiezze a la vie e iette da lu puvirielle.
Il padrone della casa (e della carne) quando si avvide di quello che aveva fatto il mendico, uscì per strada ed andò dal pover’uomo.

 – Tu ma dà pagà picchè si nzuppuate lu pane tiè dentre a lu fume di la carna me chi zi stave cucenne! – i dicette.
– Tu mi devi pagare perché hai inzuppato il tuo pane dentro il fumo della mia carne che stava cocendo! – gli disse.

– Ma a te lu fume nin ti coste niente e a lu pane sicche miè ia date ‘na ‘nzegne di sapore. – Arispunnette lu puvirielle.
– Ma a te il fumo non costa niente ed ha dato un po’ di sapore al mio pane secco. – Rispose il mendicante.

– Ma si nin ci stave la carna me chi zi cuceve, tu lu pane ti l’aviva magnè coma ere. – Dicette l’ome chi nin vuleve sintì raggione.
– Ma se non c’era la mia carne che coceva, tu il pane dovevi mangiarlo com’era. – Disse l’uomo che non voleva sentire ragioni.

E cuscì onne cumenizette a litichiè.
Cominciarono così a litigare.

Nu ggiudice chi zi truvave a passà a chella vie, sintette alluccuà e vulette sapè da li ddù uommene chi era succiesse.
Un giudice che si trovava a passare da quelle parti, sentì urlare e volle sapere dai due uomini cosa era successo.

Allucchenne tutt’eddu, l’ome e lu puvirielle jonne spiighette ognune la raggiona sè.
Urlando entrambi, l’uomo ed il mendicante gli spiegarono ognuno le proprie ragioni.

Lu ggiudice ci pinzette na ‘nzegne, pigliette nu solde d’argiente, la sbattette tre o quattre volte sobbre a nu squale, zi la rimittette dentre a la saccocce e addummannette a l’ome chi cuceve la carne: – Ti è piaciuto il suono della moneta d’argento? – – Scine! – arispunnette l’ome. Allora, tu hai saziato il tuo orecchio con il suono dell’argento ed il mendicante ha saziato il suo olfatto con il profumo dell’arrosto. In questo modo siete pari! – Cuncludette lu ggiudice. 

Il giudice rifletté un poco, prese una moneta d’argento, la sbatté tre o quattro volte su un gradino, se la rimise in tasca e domandò all’uomo che coceva la carne: – Ti è piaciuto il suono della moneta d’argento? – – Sì! – rispose l’uomo. Allora, tu hai saziato il tuo orecchio con il suono dell’argento ed il mendicante ha saziato il suo olfatto con il profumo dell’arrosto. In questo modo siete pari! – concluse il giudice.

 


[1] Aneddoto = Notizia storica marginale, poco nota ma caratteristica, relativa per lo più a un personaggio o evento importante. O, anche, raccontino breve e arguto, relativo a personaggi o fatti reali o tipico, significativo di un certo ambiente. In senso più ampio, fatto particolare e curioso della vita privata di qualcuno
Benedetto Di SciulloAbruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti
Giovanni MarianoAbruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, l’aria, i profumi dell’Alto Vastese.

Editing: Enzo C. Delli Quadri

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.